Skip to main content

Messaggio n. 7

Posted in
LA MORTE  -  (N. 7)
 
La morte che dolore
Per chi devi lasciar
E nelle viscere
Della terra
Ti deve seppellire!
Che pianti, che lamenti
Di tutti i tuoi parenti…
Mentre ormai gelida scendi
Dentro la madre terra.
Del mondo non sei più
Perché dal Cielo tu
Con gli Angeli, Maria e Gesù
Proteggi in libertà 
E senza schiavitù
Chi hai lasciato quaggiù.
La morte che dolore
Ma se ci stai a pensare, se tu 
Potessi scegliere… e nel mondo ritornare
Di certo tu diresti che il posto 
Che ora occupi non vuoi abbandonare…
Perché le Meraviglie
Che stai a contemplare
Per tutto l’oro del mondo
Non potresti più lasciare!
Una volta conosciuto
Il Santo Paradiso si guarda al mondo 
Con un piccolo sorriso,
Perché esso non è più con le sue schiavitù.
Le lotte, le contese, le gelosie, le pretese
Di esser superiori, e renderlo palese
A questa umanità
Che pecca a sazietà!
La morte, che dolore…
Ma che liberazione se l’anima contrita
Al Cielo volerà, e a contemplar la Luce
Il tempo passerà, alzando inni e canti
Per tutta l’Eternità!!!
Morire che sollievo, quando
Le stanche membra, malate e disseccate
Della loro vitalità, non hanno più la forza
E la sua utilità, arrecano disturbo
A questa società, allora solo pensi:
“Signore sono qua, se non sono
Più utile a questa umanità, si faccia al più
Presto la Tua Volontà! 
Accoglimi benigno, Ti prego non tardare
La mia valigia è pronta chiudila Tu
Perché in questo mondo non voglio starci più,
Il tempo che ho trascorso
Ormai mi pesa addosso e tutta la
Mia vita Ti voglio presentare
E finalmente chiudere il mio pellegrinare!
Ti amo o buon Gesù e per 
Merito delle Tue Virtù
Presento il mio bagaglio
Affinché al Padre lo porti Tu…
E per intercessione e per il Tuo grande Amore
La mia anima salvare!!!
Maria, oh, Madre Mia
Quale Gioia sarà la mia
Se fra le Tue Braccia
Accogli l’anima mia
E così purificata
A Gesù presentata…
Che Pace, che Sollievo… e mi si aprì il Cielo
E l’alma liberata si sentì tanto, tanto amata
E finalmente a Dio veniva consegnata!!!
Non piangere tu quaggiù
Ma pensa che Quassù non ci sono schiavitù, 
E quando Dio vorrà, unita a me verrà
Ritroverai con me la vera Felicità!!!
 
06.01.2002