Skip to main content

Messaggio n. 52

Posted in

FAME DI TE  -  (N. 52)

“La fame di Te o mio Gesù, mi fa sentire un mendicante, e così mi appresto a venirTi incontro per sostare dinanzi a Te e da Te sfamata… di TE…
E mi disseti ancor più con le Tue Lagrime di Sangue, perché così ubriacata di Te io giunga all’oblio di me!
Come è dolce Gesù, MIO PANE, averTi in me, perché penso che unito a me, potrò essere accetta al solo Re.
Dissetata alla Tua Fonte Purissima potermi inebriare e così dimenticare tutto quello che nel mondo e del mondo mi può sviare dall’unione con Te!
Immergimi DIO MIO, nell’abisso profondo della Tua totalità, in cui la perfezione della Tua Santità raccoglie tante anime che Ti fanno corona e Ti stanno ad adorare!
Sostienimi MIO TUTTO, annulla e mortifica la mia superficialità.
Tu hai detto che chi sarebbe nutrito di Te e dissetato alla Tua Fonte non avrebbe cercato più nessun altro cibo e nessun’altra bevanda che non fossi TU!
Allora Gesù, Ti prego, fa che i Tuoi figli dispersi in tutta la sfera terrestre, trovino questo PANE e questa BEVANDA, affinché non cerchino altrove ciò che Tu offri con tanto Amore e con tanta Grazia!
Fa, che TROVATO TE, rimaniamo in Te e con Te sempre, adorandoTi e ringraziandoTi in perpetuo nel nostro cuore e nelle chiese dove Tu sei il “DIVINO ABBANDONATO”!
 
Ti prego Gesù Eucaristico e Ti adoro in riparazione a tutti i sacrilegi e i misfatti che si compiono di TE SACRAMENTATO da tanti figli malvagi che ordiscono usarTi in messe blasfeme in onore di satana!
Ti prego, in riparazione di tante comunioni fatte dai Tuoi figli in peccato mortale e nell’abitudine di un rito che non capiscono a fondo, perché non credono realmente che TU SEI VERAMENTE VIVO E VERO NELL’OSTIA, e si nutrono solo di incredulità mascherata di devozione virtuale.
Ti prego e Ti adoro Gesù, per tutti i Tuoi sacerdoti che pur consacrando sull’Altare il Tuo Corpo e il Tuo Sangue, sono presi dal dubbio della veridicità della Tua Transustanziazione, commettendo così lo stesso delitto di Giuda che non aveva creduto ALLA TUA REALE ESSENZA DEL PADRE E DELLA  TUA REALE ONNIPOTENZA E DIVINITA’.
Ti prego ancora o mio Signore, per tutti i popoli e per tutte le Tue creature, richiamali sempre e non Ti stancare mai e accogli le suppliche e le preghiere di tanti figli che riparano e soffrono e offrono per loro e per la Salvezza di tutti!
Ti prego ancora per me e per tutte le mie intenzioni, fa che le preghiere siano coltivate nei fatti e nelle opere e che mai Tu mi venga a mancare!
Sii sempre il MIO PANE E LA MIA BEVANDA, AFFINCHE’ UNITA A TE POSSA ESSERE PICCOLA FIACCOLA DELLA TUA PRESENZA IN ME!
 
TI AMO, TI ADORO E LA MIA VITA TI DONO!”
 
27.06.2002