Skip to main content

Messaggio n. 77

Posted in

MISTERI DELLA GIOIA - MEDITAZIONI DI GESU’  -  (N. 77)

“Inguaribile figlia Mia, la tua sete di conoscenza delle Mie vicissitudini nel mondo e la tua attesa continua della Mia Parola Mi tocca il Cuore, perché so che ciò che ti dirò lo renderai utile non a te soltanto, ma anche ad altre anime che Mi amano ed hanno i tuoi stessi desideri.
Ecco che allora la Mia Fonte apre i Suoi argini ed esaurisce la tua sete… ascolta:
1° Meditazione 
Sei mai riuscita a contare, o perlomeno ha mai provato, gli anni trascorsi dalla promessa del Padre, dopo il Peccato Primario dei progenitori, alla Mia effettiva Presenza nel vostro mondo?
IO credo che non vi sarà nessuno mai che li saprà contare, eppure da allora tutti aspettavano la “SALVEZZA”, dai grandi Patriarchi al più piccolo figlio della plebe; chi con Santo Amore, chi con curiosità, chi invece con paura e con odio… comunque sia tutti erano nella grande attesa dell’EVENTO… Anche la GIOVANE FIGLIA DI SION, attendeva come tutti, nel silenzio umile la MIA VENUTA… Ed ecco con la Sua Umiltà ed il Suo Amore incondizionato al Dio Onnipotente, Si vide trasformare da piccola “serva” A MADRE DEL FIGLIO DI DIO! L’Anima della Vergine Madre Mia, all’annuncio dell’Angelo inviato dal Signore nella Sua casa del grandioso Progetto del Padre su di Lei, esultò e lodò Dio per ciò che Le era annunciato, anche se prima di accettare, obbiettò la Sua Verginità e la Sua completa donazione a Dio nella Purezza e Castità. L’Angelo l’assicurò che Dio non avrebbe scalfito in alcun modo il Suo voto, anzi, questo sarebbe stato l’effetto che avrebbe glorificato Dio nella Sua potente azione nella Terza Persona della SS. Trinità: LO SPIRITO SANTO, e Lei venerata e lodata da quel momento e per tutte le generazioni, perché nell’abbandono totale fidente al Padre avrebbe portato a compimento l’inizio della Redenzione. L’Annunziata, da quel momento sarà per voi la Lampada che nella Sua perenne Luce vi giuda e vi apre il cuore nella reale accettazione di Me e della Misericordia del Padre. Figli, non cercate al di fuori delle vostre anime ciò che già è in voi per Grazia.
Cercate nel silenzio e nella preghiera, a imitazione della Madre Mia, il Divino che c’è in voi, perché è lì che Mi troverete e troverete la Pace e la Salvezza.”
1 PATER, 10 AVE, 1 GLORIA +++ MARIA VERGINE DELL’ANNUNCIAZIONE PREGA PER NOI.
(Questo 1° mistero è stato scritto alla SS. ANNUNZIATA)
2° Meditazione
“La Vergine Santa ha detto il Suo Fiat al Prodigio che era avvenuto in Lei per opera del Santo Spirito, non ha fatto altre domande e neanche ha detto altre parole… tutto si era compiuto nell’ammirevole accettazione alla Volontà del Padre. L’Angelo del Signore aveva dato un altro annuncio prodigioso dell’Onnipotenza del Padre Mio alla Novella Madre: la parente Elisabetta avrebbe anch’essa dato alla luce un figlio, ed era in età avanzata ormai… Essa allora, senza indugio partì; “doveva” soccorrere e servire la parente nelle necessità dello stato in cui era, per l’età non più giovanile, bisognosa di amorevoli cure… e chi più della Santa Madre Mia poteva dare compimento nella Santificazione a quest’altra madre “prodigiosa” se non COLEI CHE GIA’ MI PORTAVA IN GREMBO? Difatti, arrivata a destinazione… le due “donne” si salutarono, ed abbracciandosi, l’anziana sentì il figlio sussultarle in seno dalla gioia.
IN QUESTO IL MIO PRIMO INTERVENTO NEL MONDO ATTRAVERSO LA PICCOLA GRANDE SERVA DEL SIGNORE… LA SANTIFICAZIONE DEL MIO PRECURSORE, COLUI CHE AVREBBE IN FUTURO PREPARATO LA MIA VENUTA NEI CUORI DEGLI UOMINI!…
Figli, quante volte avete imitato nella donazione e nel servizio al prossimo questa Fanciulla di Nazareth; quante volte avete lasciato i vostri affari, le vostre case, le vostre famiglie, le vostre comodità e siete andati incontro ai bisognosi senza fare calcolo alcuno, ma solo per Amore al fratello, vedendo in esso ME MALATO, SOFFERENTE, MENDICANTE, AVVILITO? Se il vostro cuore vi accusa, fate ammenda e recuperate il tempo che avete perso a rincorrere le futilità del mondo che vi allontanano da Me, e donateCi e serviteMi in quei poveri che vi chiamano in Mio Nome!”
1 PATER, 10 AVE, 1 GLORIA ++++  MARIA VERGINE DELLA VISITAZIONE PREGA PER NOI.
3° Meditazione
“La casa di Zaccaria ed Elisabetta ha già avuto il suo prodigio di felicità.
La Giovane è tornata a casa e attende… pregando, amando, adorando in Cuor Suo il Piccolo Grande Dio…
In un primo momento allo scoprire il Suo stato di avanzata maternità, Giuseppe, lo sposo verginale di Miriam, voleva ripudiarLa secondo la legge, ma non osava, e si tormentava perché non sapeva… Un Angelo allora lo rassicurò in sogno spiegandogli il Prodigio e la grandiosità della fiducia nel quale il Dio dei Cieli aveva riposto in lui, affidandogli i SUOI TESORI: LA VERGINE E IL SUO DIVIN FIGLIO GESU’!
Anche il Mio padre terreno disse felice il suo Fiat, ed amò ancor di più la Fanciulla che il Creatore gli aveva affiancato e adorando in Lei il Figlio Divino! Il tempo trascorse così fino al momento in cui Ci dovemmo fare pellegrini in altra città per essere censiti nel Nostro paese d’origine: Bethlem! Mia Madre, affronta con mestizia il supplizio di un viaggio faticoso e lungo, per obbedire… fiat… fiat… fiat… La città era stracolma di gente, non c’era posto in nessun luogo per poter trascorrere la notte e nessuno si occupava di Noi miseri viandanti, infreddoliti, stanchi, affamati… POVERI! Neanche una bevanda calda per la povera Madre Mia che ormai era vicina a darMi alla luce… Poi, un pastore, impietositosi per il pallore e lo stato della giovane Sposa, Mi riscaldò attraverso di Lei con una ciotola di latte appena munto… e così trovammo un’insenatura in cui ci  potemmo rifugiare e riposare per la notte! Tutti erano indaffarati, ben vestiti, nutriti e riscaldati, e nessuno aveva notato la coppia arrivata testè… troppo occupati nei loro affari, non potevano… ed il RE dei RE si fece UOMO e CARNE, nel silenzio, nella povertà, nel nascondimento e nacque agli occhi del mondo nell’indifferenza e nella solitudine di una grotta, per venire ad abitare tra voi… Molti pochi furono coloro che il Padre volle allietare con la Mia Nascita e renderli partecipi della Gloria di Dio nell’esultanza degli Angeli e i Santi che uniti alla Puerpera e allo sposo Suo, adorarono il VERBO INCARNATO: i pastori, che da sempre attendevano la venuta del Messia, senza cenno di cedimento nella loro grande Fede… Furono loro che Mi saziarono di latte e miele, Mi coprirono con velli di pecora per scaldarMi e adoravano il loro Signore nel PICCOLO GESU'! Figli cari, sono venuto al mondo nell’adorazione silenziosa e nascosta di pochi eletti, se pur nel mondo vigeva il chiasso, la confusione, perché volli essere per voi Colui che, se anche nel mondo è nato, non vive nel mondo, ma nel silenzio dei vostri cuori e delle vostre esistenze tese ad incontrarMi e camminare insieme nell’umile accettazione della Volontà con l’Amore dovuto a Colui che E’ AMORE! Dammi il tuo FIAT, come ha fatto la Madre Mia e ti farò padrone del mondo!”
1 PATER, 10 AVE, 1 GLORIA ++++ MARIA MADRE DELL’ACCETTAZIONE PREGA PER NOI.
4° Meditazione
“Sono i giorni della purificazione della “DONNA” DOPO IL PARTO E LA MIA PRESENTAZIONE AL TEMPIO DI DIO.
La Madre Mia e Giuseppe, rispettano le leggi e assolvono i Loro doveri da veri israeliti. Mai una volta hanno infranto questo, mai una volta hanno preteso diritti personali, ma solo e soltanto la Volontà del Padre era la Loro Legge e le Loro Vita… SANTI, UMILI, SCHIVI, ADORATORI INSTANCABILI, ORATORI INEGUAGLIABILI, SERVI DEVOTI ALL’UNICO DIO! Ed Io crescevo nel segreto della Mia Famiglia terrena in Sapienza e Grazia, istruito, amato, nutrito, accudito dall’UNICA MAESTRA DI SAPIENZA CHE UN DIO FANCIULLO POTEVA DESIDERARE: LA MADRE MIA - LA TUTTA SANTA - LA TUTTA PURA - LA SPOSA IMMACOLATA DELLO SPIRITO SANTO - LA PICCOLA, MA GRANDE MAESTRA DELLA SAPIENZA DIVINA! Figli Miei, non trascurate di istruirvi alla Sua scuola di Santità, Lei sola può donarvi ciò che vi manca alla vostra Santità, Lei sola può condurvi senza indugio e senza errori alla Mia Mensa e nei Miei Cieli, perché Lei sola racchiude in Sé tutti i Doni del Padre! AscoltateLa e amateLa, non fatevi sviare da chi vi dice che amando Lei togliete a Me qualcosa!
IO VI AMO DI PIU’ SE ONORATE E AMATE COLEI CHE PER IL SUO FIAT HA PERMESSO LA MIA VENUTA TRA VOI, E ACCETTANDO E NON PONENDO LIMITI ALLA POTENZA DEL SUO DIO, VI HA SALVATI! TUTTO FATE PASSARE DA LEI E TUTTO (se è bene per voi e per la vostra Santità) VI SARA’ CONCESSO E CONDONATO!…”
1 PATER, 10 AVE, 1 GLORIA ++++ MARIA, MADRE DELL’ACCETTAZIONE PERGA PER NOI.
5° Meditazione.
“Trascorrevano gli anni della Mia Fanciullezza, nel silenzio, nel nascondimento, nella preghiera, nell’obbedienza, nell’umiltà, nella povertà e nell’esilio. La Mia Santa Famiglia, nella semplicità della loro vita quotidiana, assolveva il Loro Mandato senza esaltazioni (perché Mi avevano con Sé), nella Fede e nell’Amore, nella fedeltà e nel rispetto reciproco e nel Loro Dio! Mia Madre assolveva come tutte le spose e le mamme il Suo compito di Regina della casa, Giuseppe lavorava ed amava e rispettava la Sposa e il Figlio di Lei con le gioie ed amarezze che Dio dava Loro senza privilegi particolari, anzi, le prove della vita erano molto di più che le gioie. Dio Li provava, Li forgiava, Li aggravava di responsabilità, ma la Loro fedeltà alla Parola e alla Volontà del Padre non ha mai trovato terra fertile nel cedimento, allo scoraggiamento, alla ribellione per le tante prove vissute… ERA VOLONTA’ DI DIO! Perciò… fiat… fiat… fiat. Arrivò così l’età in cui Io, adulto per la Legge, fui portato per la prima volta al tempio. Finalmente potevo pregare, parlare e agire ed ascoltare la Parola del Padre nel Suo Santuario! Incontrai molti dotti e dottori della Legge, parlai e interrogai per istruirli e sapere dei loro cuori.  Mi allontanai per la prima volta dalla Mia famiglia…
QUALE ANGOSCIA PROVARONO I “Miei Divini Custodi”, dopo tre giorni di cammino nel ritorno a casa, perché Io non ero con Loro! Trepidanti e timorosi di non aver assolto il Loro Compito e angosciati di non trovarMi più, incessantemente Mi cercarono rifacendo a ritroso la strada già percorsa… L’ansia, l’angoscia, il tormento attanagliava i Loro Cuori, la Mia perdita “momentanea” LI PORTAVA AD UNA DISPERAZIONE CHE NESSUNO AVREBBE POTUTO SOPPORTARE… Dio aiutaCi… gridavano i Loro Cuori… Dio perdona la Nostra troppa sicurezza di essere e di sapere che non ci abbandoni… Signore guidaCi a ritrovarTi e riportaCi a Gesu’! E come sempre Dio ascoltò il grido d’aiuto innalzato dai Suoi figli… e Mi ritrovarono… Le Loro Anime stremate dall’angoscia, dalla paura, dal timore di non ritrovarMi più, esultarono dalla felicità, ringraziarono e lodarono il Padre per l’avvenuto ritrovamento, ma l’umanità Loro e l’autorità sulla Mia fanciullesca età… e Mi rimproverarono… “FIGLIO perché CI HAI FATTO QUESTO, TUO PADRE ED IO TI CERCAVAMO…”, non è finita qui la parola perché seguiva… “E NOI SAREMMO IMPAZZITI DAL DOLORE SENZA DI TE!”
Dissi Loro che era giunta l’ora che Mi occupassi delle “Cose del Padre Mio” ma ancora le Loro Menti non capivano… Felici Mi riportarono a casa… e continuai a vivere Loro sottomesso nel rispetto e nell’obbedienza. Figli, quando dopo tanti vostri abbandoni, tradimenti, allontanamenti dal Mio Cuore, vi rendete conto che la vostra vita vissuta nelle onde turbinose del peccato, vi sentite sballottati e vi sentite soffocare dal vostro fango, non buttatevi via ancora di più, ma ricordatevi che IO SONO SEMPRE IN ASCOLTO DEL VOSTRO GRIDO D’AIUTO E MI FARO’ TROVARE E VI LIBERERO’ DALLE VOSTRE ANGOSCIOSE RICERCHE E MI OCCUPERO’ DI VOI CON LO STESSO AMORE CON CUI VI HO SEMPRE AMATO. I MIEI GENITORI SONO STATI PROVATI NELLA LORO FEDE IN TUTTI I MODI, ANCHE SE PER LA LORO TOTALE APPARTENENZA AL PADRE, NON SAREBBE STATO NECESSARIO PROVARE, MA L’ONNIPOTENTE HA VOLUTO FARVI CAPIRE CHE LONTANO DA LUI E DA ME C’E’ LA NOTTE!  LORO NON HANNO SPERPERATO NIENTE DI CIO’ CHE IL PADRE AVEVA DONATO, COME IL FILGIOL PRODIGO AVEVA FATTO; ESSI AVEVANO CUSTODITO E CURATO CON AMORE E AMMINISTRATO CON RETTITUDINE E SAPIENZA ANCHE LA MINIMA COSA AFFIDATAGLI. QUANDO LA PERLA PREZIOSA ERA STATA SMARRITA, NON PER LORO COLPA O NEGLIGENZA, ANCH’ESSI PROVARONO CIO’ CHE VOI PROVATE, SENZA ACCORGERVENE, PAURA E DESIDERIO DI RITROVARLA E GIOIRE AL PIU’ PRESTO DEL RITROVAMENTO, SICURI CHE DA QUEL MOMENTO IN POI NON SARETE PIU’ DISTRATTI, MA ATTENTI E OCULATI DI TENERLA CON SE’! Figli, non perdete la PERLA PREZIOSA DELLA MIA MISERICORDIOSA PRESENZA TRA VOI, PORTATEMI COME IL DIADEMA PIU’ PREZIOSO DA SBANDIERARE AL MONDO, COME ANCORA SICURA DELLA VOSTRA FORZA, FEDE E AMORE E APPARTENENZA A QUESTO DIO D’AMORE CHE MAI RINNEGA NESSUNA DELLE SUE CREATURE, SPECIE QUANDO, DOPO AVERMI PERSO, SI AFFANNANO NELLA RICERCA DELLA MIA CASA. GIOIA, FELICITA’. FESTA INFINITA NEL CIELO E IN TERRA E IN OGNI LUOGO E CUORI VI SARA’, NELL’ABBRACCO DELLA SS.TRINITA’.”
1 PATER, 10 AVE, 1 GLORIA ++++ O FAMIGLIA VERGINALE DI NAZARETH, PREGATE PER NOI.
Gesu’: “Queste meditazioni, siano per te figlia e per quanti torneranno per mezzo tuo alla Mia Casa, la gioia che esse annunciano e ti rendano attenta ai Doni che hai ricevuto, mai disattenta ma conscia che anche la minima disattenzione ti porterà via da Me. Stai certa comunque che IO SONO SEMPRE  AL TUO FIANCO, NEL SILENZIO AMOROSO DELLA MIA GIOIA, DELLA TUA COSTANTE DONAZIONE E APPARTENENZA A ME.
FIGLIA CONTINUA NEL TUO AMORE ED IO TI AMERO’.”
Il tuo GESU’ Pellegrino dei Cuori
 
21.08.2002