Skip to main content

Messaggio n. 109 e 110

IL DUBBIO SVELATO - (N. 109)

(Messaggio a firma della Serva di Dio Maria Valtorta)
 
“Sorella mia, unita con me nel dolce Gesù, spesso ti guardo da Quassùe dalla Luce da cui sono invasa, mi affretto a risponderti sui dubbi che sovente nascono nell’intimo del tuo cuore!
Sapessi quante volte nella mia vita dolorosa, ho pianto e mi sono disperata nell’incertezza che ciò che “udivo” e “vedevo” fosse frutto della mia fantasia.
Molti, come tu sai, mi davano di visionaria, di folle, di egocentrica e megalomane… quanto ho sofferto per tutto questo, ancor di più delle sofferenze fisiche di cui il nostro Gesù mi faceva il Dono di darmi!!!
Ma quante volte la mia anima si ritemprava nell’udire la dolcissimaVoce del mio Gesù e della Mamma Sua che mi cullava, dandomi la sicurezza della mia sobrietà di mente e veritiera azione nel comporre come “mosaici” infiniti, l’INFINITA FAVOLA DEL SIGNORE DEL CIELO E DELLA TERRA!!!
Dico “favole” non perché “non vera”, ma perché talmente stracolma di Santità e Grazia e Misericordia e Bontà, da sembrare “cosa” impossibile alla misera luce dell’intelletto umano… ma cos’è impossibile a Dio?
Nulla, perché ogni cosa Gli appartiene e nulla si può misurare e contare e limitare nelle “cose” dell’ONNIPOTENTE SIGNORE…!!!
Allora, come niente è fallace nelle “Cose Sue”, così la Sua Parola per me è divenuta FONTE DI ACQUA PURA E SORGENTE INESAURIBILE DI GRAZIA E SANTITA’!
La mia vita era ed è “legata” in modo indissolubile al mio adorato Gesù; Egli solo è stato ed E’ la mia CONSOLAZIONE e il mio BENE UNICO!!!
Quando per Sua immensa Misericordia mi fece il Suo “piccolo Giovanni”, nei primi tempi non sapevo e non capivo l’immensa Grazia di cui mi rivestiva il DATORE DI TUTTOciò che non ardivo mai pensare di avere!!!
Possedevo il CIELO CON TUTTO CIO’ CHE CONTENEVA… CHE SE NON CI FOSSE STATA L’INFINITA MISERICORDIA DEL MIO GESU’ NE SAREI MORTA AL SOLO TENTATIVO DI “CONTENERNE” una millesima parte!!!
Gesù era esploso in me, facendomi “vivere” e “rivivere” la Sua Vita, facendomi annullare il tempo e lo spazio che separava me da Lui!!
MISTERO PROFONDO dell’Amore di un DIO che, venuto nel mondo, aveva annichilito la SUA GRANDEZZA facendoSi… ATTORE, INTERLOCUTORE, NARRATORE, CONDUTTORE, SCENOGRAFO DELLA PROPRIA VITA, facendomi spettatrice unica di un grandioso progetto di NARRATIVA NELLA LUCE DELLA VERITA’.
Io un nulla, immersa nella grandiosità della MISERICORDIA NATA per noi tutte creature, scaturite dalla Generosità dell’Onnipotente Dio!!!
Io “analfabeta”, divenuta: poetessa, scrittrice, biblica,teologa per Volontà Divina, da cui tutto ho imparato, tutto vissuto, tutto visto, sofferto, gioito… MEZZO INDEGNO, MA DISPOSTO E DISPONIBILE AL DIVINO VOLERE!!!
Con quanto Amore e delicatezza Gesù e Maria hanno curato, amato, sostenuto questa povera creatura… quante perle preziose ho “raccolto” e “donato” a Loro per la mia e l’altrui Salvezza... ed adesso “VIVO” ETERNAMENTE NEL LORO ABBRACCIO!!!
Sorella mia, non dubitare del nostro Divino Maestro e della Mamma Sua e non “scansare” mai un “ufficio” da compiere; non chiederti perché, né come mai; segui la Loro Voce e volgi sempre il tuo sguardo e il tuo cuore a LORO.
SOFFRIRAI, GIOIRAI, MORRAI DI DOLORE PER LE PROVE, ma avrai sempre la Grazia al tuo fianco e io nella mia piccolezza di figlia e sorella del nostro Gesù, ti sosterrò... vienimi a trovare e prega per tutti coloro che come noi hanno la Grazia e il compito di essere la “piccola voce” che grida nei deserti delle anime, portando quel rivolo di Luce e di Sorgente che dal Cuore del nostroCristo, sgorga per la Salvezza di tutti!!!
Dai, non fermarti ad ascoltare voci sbagliate, prega,implora, loda e adora quel Dio che per Amore nostro, ci dona la Grazia di manifestare la Sua Gloria nell’umiltà del servizio che noi Gli offriamo!!!
Ti voglio bene… sorella nel Gesù d’Amore...”
Maria “il piccolo Giovanni”
 
18.11.2002
 
 
AI LETTORI DELLA PAROLA - (N. 110)
 
“A tutti voi che vi avvicinate all’Altare per proclamare la Parola di Dio, vi esorto con fraterna Pace di prepararvi spiritualmente all’incontro con il Signore, poiché “Essa” Parola, è la Luce della Verità che diventa insegnamento di vita e via da percorrere per ciascuno di coloro che si pongono in ascolto.
La Parola proclamata, deve riempire il cuore e l’anima, innalzare lo spirito alla conoscenza del Dio Creatore, della Sua Giustizia, della Sua Ira, della Sua Vicinanza a ciascuno di noi, del Suo Amore e della Sua Azione a volte silenziosa, a volte fragorosa, a volte umile, a volte potente, a volte anche intrigante e “violenta”, ma tutto è nella Luce della Verità e dell’Amore ancora molto incompreso e disconosciuto!!!
Se il tuo “proclamare” è afono e senza “cuore”, rimane freddo, non penetra l’intimo della tua anima; niente viene assimilato da chi ascolta e tutto si disperde come il seme gettato nella roccia: scivola via, non portando quei frutti “vita”, NECESSARI PER LA CRESCITA PROPRIA E ALTRUI!!
Quanto è bello invece, quando il lettore o la lettrice, porge ai fedeli la Parola di Dio con calore, con gioia, con l’Amore con cui amiamo Colui che ci istruisce, istruendo la mente e i cuori in ascolto nella “conoscenza” del DIO NASCOSTO che Si rivela alle anime assetate di LUI!
Se nel tuo “leggere” c’è dolcezza… trasmetterai all’assemblea la Dolcezza del Padre; se sarai solo “lettore”, niente imparerai e niente darai agli altri… Tutto deve essere nutrimento per te e per tutti!!!
Chiedi ed invoca lo Spirito di Dio su di te e su chi “aspetta” nel silenzio della Chiesa, che metta sulle tue labbra e nel tuo animo: fervore, e negli ascoltatori predisposizione nel “ricevere”, nell’unione di due elettrodi che… polo contro polo assemblano energia e forza vicendevole nel raggiungimento del fine ultimo:
UNIONE COL SIGNORE DIO nell’armonioso intento di cuori all’unisono legati indissolubilmente nella strada dell’Eterna Vita all’ETERNO PADRE!!!”
Paolo
 
19.11.2002 (Iniziato alla chiesa del Suffragio prima della S. Messa e finito prima di entrare al lavoro alle 11.30.)