Skip to main content

Messaggio n. 127

Posted in

A M E N (COSI’ SIA) - (N. 127)

“EccoMi ancora a voi figli Miei sofferti e accolti ai piedi della Croce del Mio Figlio Gesù!
Sono ad istruirvi sulla parola “AMEN”, che voi solitamente dite nelle vostre orazioni, preghiere e durante le celebrazioni che la S. Chiesa fa in occasione della S. Messa e varie funzioni religiose e a cui spesso voi rispondete senza realmente conoscere il significato della risposta che date.
AMEN è la conferma in voi di fare la Volontà di Dio = così sia!
AMEN è il FIAT dell’offerta giornaliera = così sia!
AMEN è l’accettazione delle prove = così sia!
AMEN è l’accettazione delle sofferenze = così sia!
AMEN è l’“ascolto” della Parola di DIO = così sia!
AMEN è mettere in pratica ciò che Dio ci chiede = così sia!
AMEN è rendersi disposti e disponibili a osservare e fare tutto nella Luce della Verità anche se molte volte vi costa sacrificio = così sia!
AMEN è proclamare senza vergognarsi di essere proprietà di Dio e camminare senza indugio e senza paura sulle Sue Orme, perché solo seguendo i Suoi Passi troveremo il traguardo giusto che porta all’Amore e a Colui che ci vuole amare senza limiti = così sia!
AMEN è accettarMi come vostra Madre e Maestra di vita, perché in Me è il centro della Misericordia del Padre… e perché Esso in Me e attraverso Me vi ha dato la possibilità UNICA per avere la LUCE DI VITA che illuminerà sempre il vostro cammino verso il Cielo: GESU’.
LUCE DELLE GENTI E FONTE LUCENTE DI MILLE E MILLE VIRTU’: così è e così sempre sarà amen = così sia!…
Figli, il vostro anelito sia sempre quello dell’Amen del vostro cuore proteso verso la Stella dei viandanti:
la vostra Mamma che vi vuole tutti salvi e salvati e VIVI con Me e con Gesù nella Nostra Dimora Eterna!!!
Figli, questo Mio incontro con voi voglio che sia come quella fiaccola di Sapienza Divina che Io metto nelle vostre anime, affinché le vostre vite non siano solo un afono e monotono soliloquio con un unico e smorto amen che non vi porta Gioia; ma la vostra anima sia sempre gioiosa e fervida nel vostro dire: cosi’ sia = AMEN!
Esso deve sgorgare sui vostri labbri come miele dolcissimo, di cui non si può dimenticare il sapore gradevole di un alimento che con la sua dolcezza si fa ricordare ed apprezzare per molto tempo!!!
Così il Signore Si sazierà della vostra dolcezza e vi nutrirà ancor più delle Sue Amorose Cure!
Cari figli, dico che se voi saprete dire con veemenza e armonioso vigore il vostro AMEN a Dio Padre, Egli non vi lascerà mai da soli anche nei momenti più tristi e di dura prova!!
Vi abbraccerà e vi cullerà come ha fatto con Me con Gesù e con il Mio caro sposo Giuseppe!!
Mai ci ha lasciati nel Nostro cammino, mai ha lasciato che le prove che ci venivano date soccombessero sui Nostri Cuori… e il nostro AMEN a Lui si univa alla Sua Volontà e l’unione indissolubile e l’Amore di Colui che E’ era Nostro Pane e nostra Forza!!! AMEN…
Figli, allora fate che il vostro essere Miei e di Gesù sia veramente quella piccola Parola, che se detta con sincerità, con spirito di accettazione nel sacrificio e nell’offerta veritiera, diventerà grande e avverrà che il Dio d’Amore ascolterà il vostro “AMEN” e effonderà tutte le Virtù per essere “sapienti” nella Sua Sapienza… e mai perirete!!!
Io vi ho istruito e nutrito della Mia Sapienza… SIA FATTA SEMPRE LA VOLONTA’ DEL DIO DI TUTTI GLI UOMINI DI BUONA VOLONTA’ AMEN… AMEN… AMEN… COSI SIA… ALLELUIA…”
MARIA Madre dell’Accettazione
 
15.01.2003 (Scritto prima della S. Messa alla chiesa del Suffragio. Terminato a casa alle 22.00)