Skip to main content

Messaggio n. 161

Posted in

GETSEMANI - (N. 161)

““Mio Dio, Mio Dio, perché Mi hai abbandonato?”
Questo figli Miei fu il Mio grido quando l’Ora decisiva era arrivata al suo compimento!!
Era l’ora delle tenebre, l’ora del silenzio, l’ora dell’abbandono, l’ora della solitudine, l’ora della sofferenza più grande in cui IO UOMO-DIO, portavo a compimento la Missione di Salvezza!
Ma era anche l’inizio della GRANDE MISERICORDIA, DELLA PURIFICAZIONE, DEL PERDONO…
L’ora in cui la Destra del Padre Mio spandeva sulla terra tutta la “paga” ad ognuno dei Suoi figli nel Bene e nel male!!
Il Mio grido disperato di figlio “abbandonato” alle turbe violente, di cui era divenuto “carne da macello”, fece sì che le anime peccatrici redente da Me, Agnello senza Macchia, fossero accolte e giustificate alla presenza del Padre!!
Il Sangue sparso nella via della Croce, irrorava la terra in cui i Miei Piedi Sanguinanti lasciavano tracce della Divina Maestà della Seconda Persona della TRINITA’; purificando, lavando tutto ciò che al Suo contatto toccava, portando Salvezza o castigo secondo l’accoglienza!!!
IL FIGLIO DELL’UOMO ERA SOLO NEL SUO GETSEMANI… TUTTI L’ABBANDONARONO!!!
NON ERO IL DIO CHE CREDEVANO!
NON ERO IL DIO DELLA GUERRA!
NON ERO IL DIO DELLA LIBERAZIONE DAI ROMANI, DAGLI SCHIAVISTI DEL TEMPO!!
NON ERO IL DIO POTENTE DELLE LORO ASPETTATIVE!!!!
ERO L’OBBROBRIO DEGLI UOMINI!
LA NULLITA’ ASSOLUTA!
LO SCANDALO!
L’USURPATORE!!…
MA ERO E SONO COLUI CHE CONOSCE I CUORI E LE ANIME PERCHE’ SONO LA SOSTANZA DEL PADRE!!!
NELLA MIA UMANA NATURA, HO NASCOSTO E ANNICHILITO LA MIA NATURA DIVINA, AFFINCHE’: toccandoMi, parlandoMi, guardandoMi, udendoMi poteste assimilare in voi l’essenza della Divinita’ che salva e che redime!!!
POCHI L’HANNO ACCOLTA E L’ACCOLGONO E RIMANGONO NEL BUIO… E VIVENDO PER SE’ STESSI SI RITROVANO: SOLI, ABBANDONATI, VINTI, RIMANENDO NELLE TENEBRE DEL PECCATO E DELLA MORTE ETERNA!!
A coloro che si sono fatti “piccoli”, accogliendoMi nella totalità della Verità rivelatavi: la MIA LUCE LI AVVOLGERA’ E LO SPIRITO DEL PADRE LI RENDERA’ GLORIOSI IN ETERNO!!
Figli che vi sentite abbandonati, che credete che il vostro Dio è sordo ai vostri gridi di dolore, di sofferenza… guardateMi!!! E alzando il vostro sguardo a questo vostro Fratello che prima di voi ha passato e vissuto il Suo GETSEMANI, IL CALVARIO, LA SOFFERENZA ESTREMA DELLA PASSIONE E DELLA MORTE IN CROCE NELL’ABBANDONO TOTALE DEGLI UOMINI E DEL PADRE… MAI HA DUBITATO… E NELLA FIDUCIA PIU’ TOTALE, HA AFFIDATO IL PROPRIO SPIRITO AL PADRE SICURO DELLA SUA BENEVOLENZA E MISERICORDIOSA BONTA’ D’AMORE!!!
SEGUITEMI E AVRETE LA GLORIA NEI CIELI!
RIFIUTATEMI E AVRETE LE TENEBRE!!!
NON ABBANDONATE MAI LE MIE ARMI.… MA DEPONETE LE VOSTRE!!
ESSE VI PORTANO ALLA DISTRUZIONE E ALLA MORTE!!
LE MIE, NELLA PREGHIERA E NELL’AMORE VI PORTANO P A C E   E   V I T T O R I A!!!”
G E S U’
 
25.03.2003 (Festa dell’ANNUNZIATA. Scritto di getto nella chiesetta del Suffragio la mattina prima e dopo la S. Messa.)