Skip to main content

Messaggio n. 206

…E DIO DISSE… - (N. 206)

“…NON TI E’ LECITO…
1) Usurpare i diritti dell’uomo con violenza!
2) Togliere la libertà della volontà individuale!
3) Irretire i deboli facendoli succubi!
4) Violare la purezza dei “piccoli” con lo scandalo dei vostri comportamenti!
5) Violentare, schiavizzando l’umana creatura per i propri istinti malvagi!
6) Uccidere i tuoi simili: né fisicamente, né moralmente, né spiritualmente!
7) Offendere e calpestare il diritto di ogni singolo uomo imponendo le proprie “ragioni”!
8) Sentirsi “padrone” della propria vita, scordandosi che ciò è Dono dell’Amore di Dio!
9) Dimenticarsi che Dio e SOLO DIO E’ l’ALFA e l’OMEGA di tutto e di tutti e tutto a Lui ritornerà!
10) Accusare delle tue mancanze e delle tue scelte sbagliate il Signore Dio tuo!
Fratelli e sorelle che siete ancora pellegrini sulla terra, voglio confortare il vostro esilio, raccomandandovi di scolpire nei vostri cuori e nelle vostre vite queste regole, poiché dall’osservanza di ciò ne verrà la vostra Eterna Pace o la vostra eterna dannazione!!
Io “piccola Gemma di Gesù”, ho ritenuto nel mio piccolo cuore queste esortazioni e per ogni singolo avvertimento, ho implorato la Misericordia del Padre affinché la Sua Mano scacciasse dalla mia povera vita tutto ciò che non era “lecito” fare o desiderare... per poter benedire poi in eterno la Bontà del mio Signore e mio DIO!!!
Sapeste quante volte il diavolo ha tentato l’anima mia perché io disobbedissi ai DIVINI DIVIETI che il Signore ci ha dato!
Quante volte la “vendetta” di colui che ODIA IMMENSAMENTE DIO E LE SUE CREATURE mi ha castigato! Ma niente prevaleva su di me, se non l’adesione completa al Dio di Amore!
Quante volte ho offerto la mia vita per i poveri peccatori che offendendo Dio non si curavano se ciò era o no lecito fare!
Quante volte nella mia offerta a Gesù sono stata crocefissa con Lui, legata strettamente alla Sua Croce e inchiodata sulle Sue SS. Membra, ma felice, poiché l’Umile Pastore dell’anima mia mi esaudiva convertendo gli animi!
Quante lagrime ho messo nel Cuore della Madre SS., affinché accompagnasse ai piedi della Croce del Figlio Suo tanti derelitti che altrimenti si sarebbero persi eternamente!!
Quante suppliche impetrate, affinché tanti figli tornassero alla LEGALITA’ dell’Amore Divino!
Quanta gioia ricevuta, nel vedere il mio Gesù sorridere della mia gioia!
Sapeste quanto è dolce vedere anime inginocchiate davanti al Re dei Re, chiedere perdono… e convertirsi… e tornare a V I V E R E!!!
…Non ti è lecito, no, non ti è lecito fratello, sorella, non avere cura oltre che della tua anima, di quella dei tuoi simili, poiché il Signore ti ha dato l’Esempio per primo e per primo ha stravolto l’odio con l’Amore, l’impedenza con la Purezza, la superbia con l’Umiltà, l’individualismo con l’Altruismo, l’ira con la Mitezza, l’accusa con il Perdono… Si è fatto tutto di tutti CHIEDENDO MISERICORDIA AL PADRE DI TUTTI, ESSENDO LUI STESSO L’ESSENZA DELLA MISERICORDIA DEL PADRE!!!
…Non ti è lecito, no, non raccogliere nel tuo cuore misero l’Amore… e non ti è lecito disprezzare il Dono che il Signore ti concede per non peccare!!!
…Il Signore tutto permette, lasciandoci nella libertà di azione e di vita, ma quando verrà la fine e raccoglierà la tua anima, SARA’ GIUSTO GIUDICE E GIUSTO PADRE!!!
Non ci sarà più appello poiché Egli non ascolterà più le suppliche, perché tu non hai ascoltato i Suoi richiami!!!
A me da Quassù, nelle Celesti Delizie, è dato di intercedere ancora per voi, per quei poveri figli dispersi che, se voi vorrete portare nel mio cuore, io presenterò a Gesù!
Ricordati ciò che ha detto Gesù: “A chi ha, sarà dato, a chi non ha, sarà tolto anche quello che ha!”
Perciò pregate e chiedetemi aiuto affinché ciò di non lecito è nella vostra vita, si converta a lecito e gradito a Dio!!
Coraggio, sono con voi e prego il mio Gesù affinché vi illumini e vi accolga come figli graditi e amati dal Divin Padre!!!”
Gemma, piccolo fiore di GESU'
 
09.10.2003 (Titolo dettatomi alcuni giorni addietro dopo un’omelia, ma ripetutomi oggi, giorno successivo alla ricorrenza delle stimmate della Santa. Iniziato alle 13.30 e finito alle 15.30 durante la pausa del lavoro.)