Skip to main content

Messaggi n. 382 -> 384

Posted in

MI AMI TU? - (N. 382)

“Figlio Mio, questo IO ti chiedo quando nel più profondo del tuo cuore e la tua anima si fonde nel colloquio segreto tra di Noi: “MI AMI TU...?”
In quel momento l’anima tua e il tuo spirito rispondono senza incertezze: “SI’ MIO SIGNORE, IO TI AMO!”, allora IO ti rispondo “Bene, prendi la MIA MANO!”…
...Poi, dopo qualche passo fatto insieme, ti fermi e Mi fai resistenza perché il cammino che ti propongo diventa un po' “disagevole” e faticoso…
Allora di nuovo, quando ti guardo affaticato e stanco ti chiedo nuovamente con apprensione: “figlio, Mi AMI TU…?”; tu allora, sollecitato dalla Mia nuova domanda, per non rattristarMi Mi dici: “sì Signore, io Ti amo!” e Mi guardi in modo “strano”, quasi deluso, non comprendi… ma ancora una volta torniamo a procedere nel cammino interrotto…!
Io ti amo ancora di più e cerco di infonderti il Mio Amore e la certezza della Mia costante Presenza, ma ahimè... ad un tratto ti fermi di nuovo… non riesci a proseguire… il cammino è talmente faticoso che non riesci più a vederne il tracciato, così l’anima tua si perde e, angosciata, cerca affannosamente di “vedere” le Mie orme e si accascia invocando debolmente il MIO NOME: “GESU’ DOVE SEI?”…
…IO TI RISPONDO… “SONO QUI NON TEMERE, RIPRENDI LA MIA MANO, NON ALLONTANARTI…” MA TU NON “VEDI” E INTERROMPI IL TUO CAMMINO.
Io, pur vedendo la tua incertezza ti chiedo: “MI AMI TU?”… tu Mi dici: “SI SIGNORE, Tu sai che Ti amo”, ma il tuo “sì” è talmente flebile che si perde nel mondo e si disperde nei suoi atri, così che, non “sentendo” più la MIA VICINANZA, abbandoni la Mia Mano e ti blocchi a metà percorso abbagliato dalla strada “luminosa” che il mondo ti offre…
Povero discepolo dubbioso e stanco… non hai saputo cogliere tutte le occasioni di Gioia che IO ti ho donato… non hai capito… e nell’affanno del mondo ti sei perduto!!!
Io però, come ho fatto con il Mio Pietro, continuerò senza sosta a starti vicino, infondendo nel tuo cuore il Mio richiamo d’Amore affinché dopo lo smarrimento e l’abbandono sentendo il MIO GEMITO, TORNERAI AD ESSERE QUEL MINISTRO QUALE TI SEI CONSACRATO NEI GIORNI FELICI DELLA NOSTRA “AMICIZIA”, E DALL’UNIONE DEI NOSTRI CUORI CHE NELLA CONSAPEVOLEZZA DEL SACRIFICIO E DELL’OFFERTA CHE ABBIAMO FATTO AL PADRE PER LA SALVEZZA DI TUTTI, TORNIAMO AD ESSERE UN CUOR SOLO ED UN ANIMA SOLA NEL SERVIZIO E NEL CUORE DEL PADRE!!!
“MI AMI TU?” dissi al Mio Pietro dopo il “tradimento”.
Egli Mi rispose “sì” per ben tre volte, come furono tre le volte che Mi rinnegò, ed IO detti a lui le chiavi della Mia Chiesa nascente, sapendo che Mi avrebbe seguito e avrebbe percorso le MIE ORME, divenendo ciò che l’Amore lo fece diventare...
COPIA PERFETTA DELL’AMORE DI CRISTO SUO MAESTRO, PADRE DELLA CHIESA PELLEGRINA E DI TUTTI I SACERDOTI, RELIGIOSI E RELIGIOSE E CONSACRATI CHE HANNO DETTO:
“SI’ GESU’ SIGNORE, TU LO SAI CHE TI AMO!!!”
Ricevendo Amore immenso e Gloria Eterna!!!
“MI AMI TU?”… IO IMMENSAMENTE!!!”
Tuo GESU’
 
01.06.2005 (Sono le 11.00 e sono alla mia chiesetta del Suffragio. La Messa è finita e sto un attimo in preghiera per ringraziare quando una conoscente mi si avvicina e mi dice con costernazione di pregare per don G… che si è preso una pausa di riflessione… Immediatamente il mio cuore si rattrista e mi sgorga questo Messaggio di Gesù addolorato.)
 
 
SONO SALVO!!! - (N. 383)
 
“Cicci, sono salvo, questo mi è stato concesso dal Buon Dio affinché tu sappia che le tue preghiere e le tue sofferenze non sono state vane per me, che adesso ho capito fin nel più profondo del mio cuore!!
Amata mia, le tue lagrime mi sono valse per la mia Salvezza per poter stare quell’attimo, che precede il gran passo, davanti alla Misericordia del Signore!!!
E’ un attimo che dura tutto l’arco della vita vissuta, che rende alla fine consapevoli di quanto portiamo al cospetto di Dio!!
So ora quanto ti ho fatto soffrire per le mie “ironie” sulla tua Fede viva, e ho capito che tu mi hai amato più di quanto io avevo compreso e più di quanto potevo “meritare”, ma adesso più che mai mi rendo conto che gli anni vissuti insieme sono stati per me una vera Grazia del Signore!
Ti sono grato per la tua costante presenza al mio fianco e della tua continua preghiera!!
Ora che ho assaporato la BONTA’ INFINITA DI GESU’, comprendo quanto dovrò ancora “scontare” delle mie pene, che mi porteranno alla purificazione completa… e qui aspetto i suffragi di tutti voi per poter godere al più presto dell’ETERNO BENE.
Cicci, non disperarti, ma pensa che il Signore ti ha concesso la Grazia della mia Conversione anche se questa è avvenuta nell’ultimo istante, ma tu sai che Egli non dispera mai di ritrovare i Suoi figli anche in extremis… E così è stato per me!!!
Ora da qui, io pregherò il Signore che ti conceda tutto ciò che desideri e per la tua guarigione fisica, ma so che tu sarai faro e luce per chi non riesce ancora ad accettare l’improvvisa mia dipartita!
Dì loro (come tu già sai in cuor tuo) che ora io sono in Pace (anche se nella sofferenza della purificazione) e con le mie preghiere vi aiuterò nel vostro cammino e vi preparerò un posto quando sarò finalmente nella LUCE beatifica del Signore!!
Per adesso, per Grazia di Dio e con l’aiuto della Vergine Santa, pregherò e aspetto le vostre preghiere!...
Non piangere cittina, ma sii forte come lo sei sempre stata… devo andare…
Prega per me…”
Tuo R…
 
03.06.2005 (Ore 21.00. E’ da ieri, da quando ho saputo della morte del marito di S…, mia carissima amica, che questo grido di gioia mi turbinava nella testa… la voce insisteva continuamente dicendomi che dovevo scriverlo e poi leggerlo alla sposa perché capisse che egli era felice perché si è risparmiato una grandissima sofferenza in Purgatorio grazie alle preghiere della moglie… Lei pregava molto perché lui tornasse alla Fede e il Signore l’ha esaudita anche se nell’ultima ora… sono contenta per ambedue… Viva Gesù!)
 
 
LA MIA LEZIONE - (N. 384)
 
“Sorella carissima, vengo io a parlarti poiché il Signore vuole che tu possa comprendere bene ciò che Egli tante volte ha sussurrato e “urlato” al tuo cuore!!
Sì sono Karol, fratello tuo in Cristo che ci ha voluto e che per Amore Suo ci ha uniti nella Fede e nel servizio al Padre e ai fratelli che Egli ci ha donato!!”
09.06.2005 (Sono interrotta e non riesco ad andare avanti… ho iniziato alle 19.30 e chiudo alle 19.45)
10.06.2005 (Sono le 21.40 e riprendo a scrivere…)
“Noi siamo quelle lampade che se abbassano la propria luce, non fanno da “strada” a chi il Signore nostro Gesù Cristo ci ha assegnato per condurli alla Beatitudine del servizio!
Sapessi quante volte, Gesù nostro, mi ha fatto “vedere” le strade chiuse che mi si opponevano al percorso della mia missione di Pastore successore del Maestro Divino!
Sapessi quante volte le lagrime hanno rigato il mio volto; prima da giovane sacerdote, poi da vescovo e soprattutto da Papa!
Ogniqualvolta che la mattina aprivo gli occhi, ringraziavo il Buon Dio di avermi fatto arrivare al giorno… poi, alzando le mani e il viso al Cielo affidavo tutto alla MAMMA CELESTE affinché mi guidasse come fece con il Suo Divin Figlio, chiedendoLe di non farmi mai “tradire” il progetto del Padre… e che io fossi quel “servo inutile” ma tanto amato, consapevole della grande responsabilità che Egli, nostro Padre, aveva messo nelle mie fragili spalle, nulla mettevo in atto senza prima consultarmi con il Cielo, sicuro che la LUCE avrebbe illuminato il mio cammino e non avrei sbagliato il Suo Comando!!
…Però, quante sofferenze, quante battaglie, quanti inganni e ribellioni da parte di chi doveva essermi amico, aiuto e confidente…
…Tanto ho dovuto offrire al Signore per raggiungere ciò che Egli mi diceva di fare e di portare avanti nel Suo Santo Nome!!
La Vergine SS. non ha mai cessato di vigilare la mia vita e tutto il mio operato… abbiamo combattuto insieme tante battaglie e molte conquiste abbiamo fatto… tutto a Gloria del Padre che ci aveva comandato il Suo Santo Volere!!
Quante trame contro ciò che intendevo fare, ma ringraziando il Santo Amore di Gesù che aveva per me, Suo umile e docile strumento, tutto ho portato a compimento:
Tanto ho sofferto, sia nel corpo che nell’anima, ma come dice Paolo:
“io porto su di me ciò che manca alle sofferenze di Cristo e tutto mi è gioia poiché io mi glorio della della croce che porto con Lui!!”…
…Anche io mi sono gloriato della croce… sulla croce sono stato, sulla croce sono morto, ma ora porto nel corpo e nell’anima la Gloria del CRISTO RISORTO… sono assieme alla MAMMA E A TUTTI I SANTI E BEATI che nel mio pontificato ho elevato agli Onori degli Altari, e da qui guardo voi, sorelle care, che nei vostri monasteri e nelle vostre congregazioni avete le stesse pene chi io ho vissuto prima di voi.
NON SCORAGGIARTI!!!
Sorella mia, ricordati che l’impetuosità del servizio fatto con Amore e Discernimento porta sempre i suoi frutti.
So che molte tribolazioni stai avendo nella tua comunità, ma ti dico:
Non aver paura!!!
Non temere, poiché sono tutte “cose” che servono a tutti voi per ri-cominciare a “crescere”, poiché molte “persone” (consorelle) che ti affliggono sono state in “poltrona” e si sono avvizzite sia nell’esercizio della Fede, nella Speranza e soprattutto nella Carità verso le più deboli anime che si stanno schiudendo alla Grazia della chiamata!
Le molte gelosie e preferenze sono purtroppo diventate una ragione di vita, vita scialba e sfiorita, che purtroppo non trova sfogo se non nelle diatribe che ognuna di esse prova sia nell’intimo che esternandolo a chi sta loro dattorno!!!
Sorella mia, abbi Fede, una Fede immensa; non aver paura poiché ciò ti farebbe diventare vulnerabile e ti porterebbe alla confusione e alla debolezza!!
PERCIO’:
io ti assisterò e pregherò con te ogni volta che invocherai il mio aiuto.
Ti darò quella Forza e quel Coraggio che Gesù e Maria hanno dato a me, affinché PORTASSI A TERMINE L’OPERA ASSEGNATAMI, cosicché insieme: tu dal tuo posto, io dal Cielo, saremo la promessa di Dio agli uomini e alle donne di buona volontà!!!
CORAGGIO, SII FORTE!!!
Consacrati come ho fatto io a MARIA, LA MADRE, e sii completamente Sua come lo sei per GESU’; abbandonati a Loro e Loro faranno cose grandi in te.
Totus tuus io ho detto alla Madre
E tutto mi hanno donato MADRE, FIGLIO E IL PADRE CELESTE… fai come me e ti si apriranno orizzonti che mai avresti sperato di godere e di vedere; affrettati ad entrare in quella porta e vedrai meraviglie!!
Tuo fratello in Cristo e Maria ”
Giovanni Paolo II Papa
 
9/10.06.2005 (Terminato alle 22.20)
P.S. personale da parte mia.
Cara sorellina in Cristo, credo, anzi sono certissima, che Gesù e Maria le vogliono un gran bene e l’assistono dal Cielo in modo particolare e, come dice il Santo Padre Karol, non abbia paura poiché oggi il mondo vuole bruciare e disperdere il gregge del Redentore e sfatare il “mito” di una dottrina, come dicono molti, non più consona ai tempi “moderni”.
Tutto ci sta stretto e tutto ci disturba, specialmente quando il Signore ci ammonisce in tanti modi, ma il mondo non vuole comprendere e ancora di più infossa le sue membra nel fango e nell’onnipotenza della “bestia” che, sorniona, fa prede a tutto spiano. Non facciamoci sorprendere con la lampada spenta, non facciamo “morire” la fiamma che il Signore nostro Gesù Cristo accende insistentemente nei nostri cuori per farci capire che Egli ci ama con tutte le nostre miserie e le nostre debolezze, non Si stanca mai di accarezzarci anche quando noi lo “frustiamo” con la nostra dabbenaggine e la nostra sapienzale demenza umana.
Non facciamoci cogliere con l’accetta in mano… ma le nostre armi siano sempre e comunque la Preghiera e la Carità che il Signore nostro e la Santa Vergine incessantemente imprimono nella nostra storia di deboli creature, ma che Essi amano e vogliono salvi a tutti i costi.
Che Dio Padre, Dio Figlio, Dio Spirito Santo e la Sua Sposa, la dolcissima Maria SS., ci coprano sempre con la Loro speciale Protezione e ci conducano sui sentieri, anche se angusti, alle porte del Cielo!!
Che la SS. TRINITA’ ci benedica e ci illumini nel cammino impervio della nostra fragile esistenza!!!
(Ma poi sono veramente mie queste parole? Giudichi lei!)
L’abbraccio e le do un grosso bacio (spero gradito). Con affetto sua…
A.. (strumento indegno del Signore)