Skip to main content

Messaggio n. 400

Posted in

SCAMBIO D’AMORE - (N. 400)

“…Quale gioia quando mi dissero andremo alla casa del Signore e i nostri passi si fermano alle tue porte, Gerusalemme!!
Questo il bellissimo Salmo che i popoli antichi cantavano per ringraziare il Signore di averli condotti alla nuova Vita e alla nuova Fede.
Oggi, quanti di voi sono così gioiosi di entrare nella Casa del Signore?
Quanti di voi esultano nel procedere, con nel cuore l’Amore per quel Dio, che amandovi in modo unico vi chiama e vi esorta ad entrare, vedere, gioire delle Grazie che Egli vi dona… e prostrandovi, ringraziate di tutto ciò che avete?
Pochi sono coloro che entrano nella Luce che si espande e che vuole avvolgervi nella Sua gloriosa Vita; quella che con Amore vi è stata donata e che con spasimo d’Amore (anche se non vi accorgete) anela di ritornare alla Patria Celeste!!
Figli, figli che volete essere sempre voi (con la vostra limitata intelligenza), a condurre le vostre esistenze lontano da Dio, e poi vi rammaricate…”
25.08.2005 (Termino perché sono interrotta da un’anima che mi chiede consiglio e consolazione, ma non riprendo perché è tardi e devo andare. Sono alla chiesa del Suffragio durante l’adorazione e sono le 11)
27.08.2005 (Riprendo a casa; sono le 2.00)
“…se poi chiedete aiuto e Dio “non risponde”!!
Oh poveri voi, che solo per vostro tornaconto, chiamate ed implorate il Cielo… e se non “risponde”
imprecate, vi dibattete e vi perdete ancor di più!!
Molti di voi entrano spavaldamente nelle Mie Dimore terrene, mettono un cero (spesso dopo averlo fatto se ne vanno), senza sostare in preghiera credono di “avere diritto” alle Grazie… e non si avvedono che magari c’è la S. Messa e non rimangono in chiesa… ma se ne vanno perché ci sono troppe cose da fare fuori…
E non capiscono che… vale più una S. Messa che un cero acceso per ottenere “udienza” dal Padre!!!
Molti entrano tristi e se ne tornano più tristi e cupi di prima perché vogliono essere esauditi subito!!!
La Casa del Signore, figli, non è un albergo in cui si entra e si esce dopo aver depositato il bagaglio!!!
Nella Casa del Padre si depositano tutte le “cose” che sono dentro e che nell’insieme fanno male e pesano… e si chiede che Egli ponga fine alla sofferenza, al dolore, alla tristezza, aiuto nelle vicissitudini della vita corrente come: malattie proprie o di un caro, di un buon lavoro, di aiuto nelle tribolazioni e tanto altro ancora; ma tutto deve essere accettazione e volontà di donazione della propria vita anche nelle prove!!
Nella Casa del Padre, se entrate con Fede e Speranza che Egli accoglierà il vostro grido d’aiuto, tutto vi concederà se è per il bene vostro e di chi portate a Lui!!
Allora potrete lasciare il vostro bagaglio davanti alle Porte Sante del Cielo e Dio lo aprirà e ne trarrà le Grazie che vorrà concedervi.
Non dovete mai pensare che dopo tante sofferenze, prove, tribolazioni, malattie… abbiate diritto alla concessione di quanto richiesto!!!
NO, NON E’ COSI’!!!
La superba richiesta e l’orgoglio di “sentirsi in diritto” di ricevere, stanca la Pazienza di Dio e… “non ascolta” chi con prepotenza chiede.
L’Umiltà, la timida domanda, la fiduciosa Speranza, sono le chiavi sicure per aprire il Cuore di Dio; la preghiera costante e incessante, sempre nell’umile devozione, sono i cantici d’Amore che sciolgono i lacci che racchiudono le Grazie e le fanno cadere in abbondanza sull’anima che attende fiduciosa!!!...
Dio non è avaro nel donare, ma non vuole l’avarizia nell’anima che chiede… e se essa si dona a Lui, Egli non esiterà a concedere la Grazia!!!
Questo è uno “scambio d’Amore” che riempie il vostro cuore delle Delizie Divine e allarga quello del Padre facendo “miracoli di guarigione e di liberazione” e di ogni tipo di Grazia e favori, che contribuiranno ad accrescere in voi la Fede e l’Amore al Creatore e farà gioire immensamente il Signore di ogni cosa!!
Allora quella parte del Salmo iniziale, sarà per tutti voi l’inno di grazie al Donatore di Grazie!!!
Quindi:
AMORE, FIDUCIA, SPERANZA, FEDE E UMILTA’…
siano sempre la base vera delle vostre richieste e niente mancherà affinché abbiate ciò che chiedete.”
MARIA vostra Madre
 
25/27.08.2005 (Terminato a casa alle 3.25 di notte.)