Skip to main content

Messaggio n. 518

Posted in

 

CENACOLO N. 4 - (N. 518)

     

    (Incontro N.4. Siamo a casa di V… una componente del gruppo e sono le 21.45… ci aggiungiamo con le solite modalità a prepararci alla preghiera… Viene invocato lo Spirito Santo, dopo si parla di esperienze fatte nella settimana, poi preghiera di ringraziamento e introduzione…)

     

    Maria SS. inizia a parlare…

    “Grazie a voi di essere ancora qui, grazie perché so che nei vostri cuori regna veramente il desiderio di unirvi al Cielo… grazie, grazie perché so che durante l’arco della settimana voi vivete… continuate a vivere questi momenti di unione con Me, con Gesù e con i Santi del Cielo; grazie figli, grazie, sono molto commossa delle vostre testimonianze d’amore verso Gesù, verso il Padre, verso lo Spirito Santo e verso questa povera Mamma che vi ama tanto… quanto vi ama questa Madre; continuate a crescere così, ho bisogno dei vostri cuori, ho bisogno delle vostre braccia, ho bisogno delle vostre labbra, ho bisogno di tutto di voi, perché siate la testimonianza viva che Gesù vive in voi e la Madre vi accompagna volentieri verso la Luce.

    Figli Miei, quanta pace Mi danno queste vostre manifestazioni d’amore; ringraziamo il Padre perché vi mette nel cuore questi buoni sentimenti: grazie Padre, grazie di averMi dato questo piccolo cenacolo in cui poter ringraziarTi sempre per tutte le meraviglie che compi anche se non sono palesemente manifeste; grazie Padre, grazie di questi figli… Ti chiedo Padre, di benedire oltre a questi figli qui riuniti insieme a Me, anche coloro che non ci sono, che per motivi che non dipendono dalla loro volontà non sono presenti, ma Tu donagli la Tua benedizione, ne hanno tanto bisogno… e poi la benedizione su questa casa… sì questa casa, dove l’oltraggio dell’ignoranza esce fuori dai cuori, ma Ti prego abbi Misericordia di coloro che non sono vicini a Te Padre, ma sono sicura che dopo questa sera la Tua Misericordia, la Tua bontà discenderà su questa casa e su tutti gli abitanti.

    Questa figlia piange tanto; raccogli le sue lagrime o Padre, sono lagrime d’amore; io le conosco tutte, ogni goccia è una perla che Io metto ai Tuoi Piedi, però Ti prego di darle la costanza di resistere… Te lo prometto figlia Mia, sarò sempre vicino a te, non temere; se tu sei legata a Me niente può farti il nemico… e a tutti voi figli, che siete riuniti qua vi dico: non lasciate spazio a satana, il terribile, siate sempre uniti a Me, non abbandonate mai il Mio cammino, non abbandonate mai la Mia Mano; la Mia Mano è quella Mano forte di Madre che vi protegge; qua in queste piccole Mie Mani racchiudo tutti i vostri cuori e li porto a Gesù; non temete, non desistete dall’amare, dal perdonare, dal sopportare, dal soffrire; guardate me: piango e sorrido, sorrido e piango, amo, Mi intenerisce anche un semplice saluto… è tutto quello che Mi serve per amarvi e per portarvi a Gesù; un sorriso dato con il cuore, un sorriso che vi illumina il viso, che vi apre il cuore… e se voi donate quel sorriso anche quando non avete desiderio di sorridere, grandi grazie, grandi grazie ne avrete; coloro che vi odiano vedendovi sorridere non si capaciteranno mai, diranno “ma perché… perché se io fò del male a questa persona, questa persona sorride, anzi mi ringrazia e mi raccomanda al Signore…?”. Ecco, questa è la vostra forza, la forza del Padre, la forza di Dio. Gesù vi ha detto “benedite coloro che vi maledicono, pregate per coloro che non vi amano, chiedete Misericordia per coloro che vi perseguitano…”; tutto fate con il cuore, aprite il vostro cuore a queste cose; queste cose sono quelle che vi porteranno sul cammino della Luce, il cammino di Gesù.

    Ha mai odiato Gesù una creatura? No, mai… anzi ha cercato di beneficarla più delle altre, è andato a cercarle; ecco, per questo è venuto Gesù e per questo ha sofferto e abbiamo sofferto; perché anche Io con Lui ho sofferto e soffro ancora, ma… dopo la sofferenza c’è stata la Redenzione; e la Redenzione cosa vuol dire…? Che ha salvato le anime e la vostra anima è stata salvata; quindi non vi resta altro che seguire le Orme di Gesù e della Madre Sua Maria, che Egli ha voluto lasciarvi qua ancora.

    Io con insistenza ancora vi dico: seguite Gesù, amate, amate il vostro nemico, amate, amate, amate, amate, non vi stancate mai figli; lo so, oggi non è facile amare quelli che sono i nostri persecutori, ma Gesù ha detto “Che merito ne avrete se amate quelli che sono come voi…?” La vostra forza è dare il vostro cuore e il vostro amore a tutto il vostro prossimo… Lo so viene da ridere, ma come, eppure invece di ridere bisognerebbe piangere tanto, perché l’umane creature ora sono più vulnerabili dei tempi passati.

    Il demonio scalcita, vuole perdere le anime… tante, tante, tante… vuole riempire il suo regno… ed io corro dietro, come Gesù, alle anime per strappargliele… tante volte ci riesco, ma tante volte purtroppo…

    Figli Miei, siate l’inizio di una nuova era… figli Miei, purtroppo le tenebre ancora di più sono nel mondo… Dio è messo all’ultimo posto e forse nemmeno nell’ultimo… ma voi siate la Luce di Dio… siate le figlie di Maria, i fratelli di Gesù… predicate, predicate… osteggiate il demonio… nelle vostre case, nelle vostre famiglie, nei vostri figli, nella vostra chiesa, nelle vostre scale, nel vostro palazzo, per le strade, dappertutto… portate la Luce di Dio; non fatevi vedere paurosi, meschini… siate testimoni veraci… non si può essere “cristiani” se non si è veramente con Dio… non si può essere cristiani, soltanto perché quella cosa mi piace, quell’altra no… no, no, Gesù, anche se tante cose non Gli piacevano perché per Lui la Purezza infinita, ha dovuto bere il Calice… ma lo ha fatto per voi… non era necessario per Lui e non era necessario per la Sua Immensità venire qui sulla terra… e allora cristiani vuol dire di CRISTO… e se si è con Cristo si ama la Sua strada, la Sua dottrina, non quello che mi piace, quello che non piace, no… quello che piace e quello che non piace; a nessuno, a nessuno piace soffrire, a nessuno piace essere gli “ultimi” della classe… ma cosa ha detto Gesù? “Beati gli ultimi perché di essi è il Regno dei Cieli…”. Nessuno sia maestro dell’altro, siete tutti fratelli, siete tutti uguali nel Cuore di Dio… è vero, c’è chi è stato predestinato fin dalla nascita, c’è chi fa un percorso nella vita… perchè nessuno nasce e sa fare, tutti dovete imparare a vivere sulle Orme di Gesù.

    Anch’Io, pur essendo la Madre, pur avendo insegnato nella fanciullezza a Gesù, Mi sono fatta Sua discepola; e allora… quale grande Dono è di dover capire, di saper capire quanto Dio ci ama… e lo si capisce solo nella povertà, nella sofferenza, nella donazione, nella “miseria”… non crediate figli Miei che… la miseria, ma quella vera, sia un disonore… no, Noi siamo stati miseri, eravamo poveri… ma avevamo la dignità. Oggi nella povertà non c’è dignità e tanto meno nella ricchezza… più siamo poveri e più si viene a conoscenza della “povertà” di Dio… più siamo ricchi e più si sprofonda, perché quando abbiamo tutto non abbiamo da desiderare altro e allora si annaspa a cercare qualcosa di nuovo, qualcosa che ci possa esaltare… Io parlo come se fossi una di voi, ma queste cose non Mi hanno toccato, ma lo dico perché essendo nata in grembo ad una madre ed essendo vissuta nel mondo come creatura, perché sono creatura, le ho viste tutte queste cose, le ho vissute nel mondo fino a che sono stata nel mondo e le continuo a vedere in questo mondo che non si vuole convertire.

    Figli, e allora Io vi dico: siate “poveri” anche nell’agiatezza, siate poveri, siate veri, siate misericordiosi, siate buoni, siate coloro che Dio manda a proclamare la Sua Parola…

    Questa sera meditiamo… non… la Mia Corona del Rosario… questa sera vorrei meditare con voi i problemi di questo mondo. Già vi ho spiegato come Dio vuole che voi siate, però Io vorrei che dai vostri cuori sgorghi una domanda a cui non avete mai saputo dare risposta, ed Io cercherò di tranquillizzarvi e di portarvi la Luce nel vostro dubbio…

    Deve essere un problema che vi sciolga dai legami, dalla tristezza, dall’ansietà… ecco, questo vorrei; che questa sera fosse per voi un lasciare su questo tavolo le vostre angustie più nascoste… e poi vedrete che il vostro cuore sarà più libero e si aprirà alle necessità del mondo e delle anime che incontrerete, perché avrete fatto dentro di voi quest’esperienza… ecco sono qua e vi attendo…”

    (Dopo una pausa… M… esterna le sue paure e le sue ansietà per i suoi figli).

    Risposta…

    “Allora figlia Mia, queste ansie, questi timori, queste paure sono ormai cose del passato che tu hai dentro di te; ma tu tutte queste cose le hai lasciate nel Mio Cuore e dal Mio Cuore non escono più… vedi figlia, se Io ho un boccio su questa mano che ancora si deve schiudere, tutto sembra oscuro… c’è buio, incertezza; ma se Io piano piano apro questo boccio, viene la luce… e tutto illumina la luce; qualche volta possono esserci zone d’ombra, ma il sole gira e piano piano illumina anche le parti più scure… certe volte però quelle parti oscure rimangono oscure, ma sono sempre nell’interiorità illuminate da una piccola fiammella che piano piano, piano piano illumina anche nel più segreto, e quella è la tua fede… allora, se abbiamo veramente fede e crediamo che questa fede ci possa portare alla Verità… non ci sono ombre che tengono; quell’ombra sarà il riparo sotto le Ali del Signore e allora vedrai che piano piano, piano piano tutto si aggiusterà, ogni cosa ha il suo tempo… capisci figlia Mia? Non ti agitare, non ti agitare… tu prendi sempre un boccio e fallo aprire, vedrai che piano piano quel boccio prenderà il suo ossigeno e poi esploderà nella bellezza…

    Gloria la Padre…

    Dice ancora Maria SS. a V…

    “Io dico a te: tu hai il tuo cuore ancora così (la mano si chiude come un pugno), nonostante il tuo amore per Gesù e per Me, ma il tuo cuore è ancora piccolino così… lascialo, lascialo andare… ogni volta che tu vedi qualcosa o senti qualcosa che ti fa male e tu sai che questo fa male a Me e a Gesù… alza gli occhi al Cielo, alza gli occhi al Cielo e invoca, invoca lo Spirito di Dio che scenda su quel pensiero, su quella parola, su quell’atteggiamento… vedrai che il Sangue che sgorga dal Cuore di Gesù per le Spine che vengono conficcate nel Suo Cuore e poi anche nel Mio, bagneranno quella parola, quell’atteggiamento, quella frase, quell’anima e la purificherà. All’inizio troveranno fastidio, il fastidio della purezza, della bellezza di Dio, del Suo Sangue purificatore… ma poi, ma poi il tuo cuore non sarà più chiuso così stretto nella morsa del dolore, ma si aprirà piano piano, piano piano… e vedrai germogliare tutte le tue preghiere, tutti i tuoi dolori in piccoli ceri luminosi che si scioglieranno nel vaso purificatore e saranno le tue Grazie che Dio ti darà.

    Abbi fede, abbi fede, non stancarti comunque di pregare; prega perché la preghiera è l’arma tua… vedrai figlia, tutto si aggiusterà…

    Gloria al Padre…

    Maria continua a rispondere ora a L…

    Tu figlio hai fatto chilometri per tornare a questo cenacolo e te ne sono grata; il tuo amore è per Me, è un bel boccio di rosa ai Miei Piedi e nel Mio Cuore… ma ti dico comunque: stai sereno, tranquillo, la tua conversione e il tuo amore verso di Me e verso Gesù, il figlio Mio, è stato un balsamo eccelso per la tua anima; ricorda… quando tu eri lontano da Me, non riuscivi assolutamente a capire cosa era la vera sofferenza in Gesù e Maria; tu hai capito cosa si sente quando dei figli si allontanano o per causa loro, o per causa di qualcun altro; tu l’hai sofferta questa cosa, la soffrirai ancora ma vedrai con le tue preghiere, con la tua rinuncia, con la tua sofferenza, la tua sopportazione, la tua offerta giornaliera, le tue preghiere che salgono al Cielo… e le sentiamo figlio caro e le accogliamo… piano piano arriveranno a destinazione e ogni cosa avrà la sua giusta dimensione e la sua giusta posizione… e capirai cosa il Signore ha destinato per te.

    Non pensare agli anni; siamo vecchi e siamo giovani, siamo giovani e siamo vecchi, ma l’anima è sempre la stessa, l’anima invecchia solo se la facciamo invecchiare, ma l’anima risplende se viene nutrita dalle preghiere e dall’amore e dall’unione a Dio; Io ti aiuterò, ti sosterrò sempre in questa battaglia contro tutte le insidie che hai nella tua famiglia, non ti preoccupare… questa cosa Dio l’ha permessa perché tu ti convertissi e sapessi… così da poter portare un esempio alla tua famiglia. Non importa se sarà presto, se sarà tardi… nel Cielo non c’è tempo… quindi continua figlio, continua questo cammino, però… non strafare, lascia fare a Dio, lascia fare a Me, metti tutto nel Mio Cuore e nel Cuore di Gesù e lascia andare; vedrai che la serenità e la pace inonderà il tuo cuore, l’anima tua e saprai proseguire con sicurezza il tuo cammino…

    Gloria al Padre…”

    (A questo punto M… fa preghiera di intercessione per me (strumento) affinché la Mamma dia anche a me una Sua Parola di guida e di conforto, in modo che mi possa sentire sicura e protetta dagli attacchi del maligno e che mi sia di consolazione nei momenti difficili…)

    Maria SS. risponde…

    “Questo Mio strumento dovrà soffrire ancora, ma le sue sofferenze non saranno visibili agli altri, anche lei non si accorgerà molto di soffrire…”

    Io mi riprendo dal raccoglimento intenso e parlo per me stessa… dicendo:

    “Mamma, sono io… sono io… Ti prego proteggimi; Tu lo sai quante insidie ho, Tu lo sai la mia lotta continua; dammi Spirito di discernimento… fammi capire quando siete Voi che siete con me, scacciate da me la pesantezza che tante volte io sento nella mia testa… quante lotte Mammina io devo fare e tu lo sai, e spesso divento irascibile, rispondo male, manderei tutto all’aria… ma poi ecco che arrivate Voi e mi consolate… grazie, però Vi prego, fatemi capire cosa debbo fare anche di tutto quello che ho scritto, che divulgo, se sto facendo bene… questo, questo vorrei la conferma; tante volte lo sai ho paura, ho paura di sbagliare, ho paura, ho paura, ho paura…

    Tu lo sai non sono compresa in casa mia… non posso parlare di te liberamente, non posso parlare di Gesù liberamente, non posso esprimere liberamente e far vedere, parlare di ciò che succede quando Voi siete con noi, non posso parlarne, non mi ascoltano; lo so, questa è la mia croce. Ah lo so, devo continuare così, sia fatta la Vostra Volontà sempre… ma non mi togliete questa Grazia vi prego; è una Grazia per me, ma è una Grazia per i fratelli… comunque sempre, sempre, sempre, la Vostra Volontà. Grazie Mamma, grazie, grazie…”

    Gloria al Padre…

    La Mamma riprende rispondendo a L…

    “Piccolina stai crescendo piano piano; non aver timore, la strada del Signore è ciottolosa, lo sai, qualche volta diventa pericolosa, ma è pericolosa perché ci sono i tranelli dell’altro che ti vogliono far tornare indietro nella strada fatta; ma tu non guardarti indietro, guarda sempre avanti a te, avanti a te c’è Gesù, ti indica la strada e Io accanto a Lui… guarda sempre la strada della Luce, non la strada che è passata che ormai è tenebra; abbi quella fiducia di bambina che si fida dei genitori quando i genitori le dicono di fare una cosa o di non farne un’altra; ecco, Io ti dico figliolina: non guardarti indietro, guarda avanti, avanti… avanti troverai tutte le cose belle della tua vita, indietro troverai tutto ciò che è tenebra, buio, insicurezza, cattiveria, tutto quello che è negativo; ma da qui in avanti il tuo cammino è pieno di luce, la Luce… la Luce che dal Cielo ti effonde il Padre per farti capire che quando toglie qualcosa non lo toglie per farti disperare… è perché lo ama; tu non puoi sapere, tu non puoi sapere, come Io non sapevo, ma… ricordati, quando tu dirai veramente con il tuo cuore aperto a 90°… no, a 360°… “Signore accetto la Tua Volontà”, allora quel giorno la tua Luce esploderà nel tuo viso!

    Non fare mancare questo amore… capisci? Non fare mancare questo amore a chi ti sta vicino… dai, sei sulla buona strada, Io sono con te, tieniMi la Mano sempre, e quando pensi di non farcela più, stringila forte ed Io son lì!

    Gioia figli, gioia ci vuole anche nelle sofferenze, nelle prove, gioia, gioia, è la gioia di Dio, è la Redenzione, è la LUCE, è la Resurrezione dei cuori, è la Vita dell’anima, la gioia, è la gioia di Dio.

    Capite? Capisci figlia? Sii serena, anche tu sii serena, non ti angustiare troppo; sei una guida, allora una guida deve saper guidare prima sé stessa poi gli altri (si rivolge a E…) e tu sei sulla buona strada, sei una brava mamma… però non esagerare, troppe permissioni… ma i figli si vogliono bene, si accetta tutto dai figli ma si correggono, si amano ma si correggono e si portano avanti nella Luce di Dio.

    Bene figli, ora Io me ne vado; sono sicura che i vostri cuori siano pieni di serenità e di pace perché è questo che Io ho voluto infondere a voi; state sereni, state sereni e in pace, pregate e convertirete il mondo!

    Ecco che invoco lo Spirito di Dio che scenda su di voi, su tutte le vostre famiglie, nei vostri cuori, nella vostra mente, nei vostri lavori, nei vostri figli, nelle vostre case e in tutto ciò che avete dentro il cuore e non avete saputo dirlo, e benedico tutte le vostre intenzioni affinché lo Spirito di Dio scenda su tutte le anime che avete portato nei vostri cuori e qui in questo quaderno… sono già tutte ai Piedi di Dio… Vi benedica il Padre e il Figlio e lo Spirito Santo. Amen. Amen.”

     

    (L’assemblea risponde: “Lode e Gloria a Te Signore…”).

    Ave Maria… Gloria al Padre…

     

    (M… ringrazia a nome di tutti e poi mette la sua intenzione per una nipote che deve subire un operazione…).

    18.05.2006 (Termina qui l’incontro dopo le preghiere di conclusione e il canto finale. Ci diamo appuntamento per la settimana prossima e ci accingiamo a ritornare a casa… Sono le 23.30).