Skip to main content

Messaggio n. 533

Posted in

CENACOLO N. 10

(Siamo al nostro 10° incontro; questa volta ci riuniamo in un locale della nostra parrocchia del Corpus Domini, mancano diversi componenti del gruppo ma ci riuniamo lo stesso per la necessità di pregare per tanti che ci hanno chiesto preghiere e per poter essere uniti alla Mamma e a Gesù in ascolto della Loro Parola…

Ci sistemiamo come al solito con il nostro altarino, con la S. Bibbia aperta, il Cero Benedetto, il libretto delle intenzioni di preghiera… e ci accingiamo ad iniziare la preghiera invocando lo Spirito Santo su di noi… Arriva Gesù…)

Gesù:

“Benedizioni, Benedizione, Benedizione e pace a questo piccolo gruppo… e Benedizione e pace a coloro che ci seguono spiritualmente nei loro posti di villeggiatura, Benedizione a coloro che per motivi di famiglia non sono qui con Noi, ma so che sono uniti in preghiera. Benedizione, Benedizione più grande che Io allargo a tutti coloro che Mi avete portati e nei vostri cuori e nel vostro quaderno; Benedizione in questa… in questa chiesa, dove non è riconosciuto uno strumento al Mio servizio, Benedizione comunque grande perché questa è la Mia Casa in cui Io effondo tutte le Grazie e i Carismi che lo Spirito del Padre vuole elargire ai Suoi fedeli!

Figlie, il fatto che questo periodo di abbandono della preghiera “perché c’è altre cose da fare” e in cui siamo dimenticati, ho bisogno di quel piccolo gruppo, di quel piccolo resto che si adopera per la conversione e la salute propria e dei propri fratelli.

Vi ringrazio, vi ringrazio che con sacrificio vi siete riuniti, lasciando probabilmente un posto più “accogliente” dove poter respirare aria un po’ più fresca… ma questo vi sarà merito, vi sarà merito perché come sempre Io vi ho detto “Chi si sacrifica per la Parola, troverà il suo merito e il suo premio!”.

In questa settimana ho constatato che alcuni di voi hanno avuto ancora più crucci, anche quelli che non sono presenti… e voglio dire: abbiate coraggio, abbiate fede, non scoraggiatevi, non abbandonate la preghiera, non abbandonate i Sacramenti, anzi, anzi… accostatevi ancora di più alla Mia Mensa, accostatevi ancora di più ai Sacramenti, sono quelli che vi sostengono nel vostro cammino di fede, nel vostro cammino tortuoso; le battaglie che dovete sostenere sono sempre molto, molto ravvicinate una all’altra e… le vostre forze, se non sono nutrite dal Mio Corpo e dal Mio Sangue e dalla Mia Parola, vengono a mancare.

Voi avete il dovere come cristiani di non lasciarvi andare, voi come cristiani dovete seguire la scia di Cristo… E che cosa ha fatto CRISTO?

HA PREGATO, HA PREDICATO, SI E’ SACRIFICATO, HA ELEVATO CANTI E PREGHIERE AL PADRE PER TUTTI VOI FRATELLI!

Quando non era possibile durante la giornata, Io prendevo anche le ore della notte per stare in comunione con il Padre Mio… e lì, Cuore a Cuore con il Padre, Io raccontavo tutto ciò che avevo desiderio di ottenere per l’umanità! Pregavo, piangevo, supplicavo il Padre per voi, affinché vi desse il Suo Spirito di Santità!

Quante notti insonni nel vedere quante anime rifiutavano la Grazia… Poca, poca, poca gente veramente, dopo averMi seguito per curiosità, Mi seguiva… era “troppo difficile”… eppure Io non predicavo altro che AMORE!!

Questa parola fin dai tempi antichi ha suscitato sempre l’abbandono alla pratica dell’Amore… l’Amore dimenticato per amore di altre cose… più facili, più dirette, ma che poi non erano quelle “cose” che credevate fossero!

Quante persone dicono… “Ah… no, no, io… no, no, non sono, non sono cattolico… no perché la mia vita è stata tutto un travaglio… basta! Ho un'altra religione…!”. E quando gli viene domandato… perché? Io rispondo proprio al posto di queste persone… Figli, figli, voi avete cambiato perché non avete creduto, voi avete cambiato perché non eravate istruiti bene che cos’è la fede, non eravate istruiti bene che cos’è una religione!

Oggi purtroppo si dice “Bah, se non sei cattolico basta credere in qualcosa”. E che cos’è quel “qualcosa”? Credere alle chiacchiere? Ma le chiacchiere non fanno felici!

Credere in qualcosa vuol dire avere un guazzabuglio nella testa, nel cuore, nell’anima… e lì, in quel guazzabuglio, rimestate, rimestate tante cose, ma non riuscite a trovare la “Cosa Giusta”… che poi ce l’avete a portata di mano, ma non la volete vedere!

Quando Io predicavo per le strade della Palestina… oh, quanta gente veniva ad ascoltarMi… quanta gente lì per lì Mi acclamava… ma poi quando doveva mettere in pratica ciò che Io avevo detto, si perdevano…

Ed oggi ancor di più, ancor di più! Loro avevano la novità, e quindi prima di “digerirla” e di “assimilarla” passava del tempo, doveva essere “elaborata” dentro la loro testa… ma voi oggi… avete avuto la Rivelazione, avete avuto Me che vi ho rivelato la Via del Padre! Non ho modificato niente di ciò che il Padre aveva dato a Mosè… assolutamente… Io non sono venuto per cambiare e lo dico nei Miei Vangeli, lo dicono i Miei Apostoli; non sono venuto per cambiare, sono venuto per PERFEZIONARE affinché gli uomini capissero veramente l’AMORE DEL PADRE!

Sono passati più di 2000 anni, ma Mi accorgo che siamo ancora, ancora peggio di 2000 anni fa… Tante dottrine, tante filosofie, tante sette che si insinuano nella Chiesa e nelle anime dell’umanità. Tutti promettono grandi cose immediate, ma nessuno vuole faticare per arrivarci… ma le cose che si ottengono con facilità non hanno la Corona della Gloria di Dio! L’immediatezza della richiesta e della offerta è del mondo, non è del Padre!

Il Padre ascolta, il Padre è paziente, il Padre è amoroso, il Padre è saggio e non dà nulla se ciò non è bene per l’anima e per la Salvezza e la crescita della creatura!

Il mondo vi dà tutto perché non ha interesse di salvarvi… il mondo ha l’interesse ad “ingoiarvi”… ingoiarvi in un baratro infinito in cui non c’è, non c’è Resurrezione… c’è morte, morte infinita!!

Il Padre vi nutre piano piano come lattanti, vi nutre con la Sua Parola, vi nutre con la Sua Bontà; il Padre è quel padre che redarguisce il figlio quando ha sbagliato… lo redarguisce, ma poi non chiede altro che il bimbo ripensi e ritorni sui suoi passi e riconosca di avere sbagliato. E allora qui… quale miracolo d’Amore: il Padre che Si abbassa sulla creatura, l’accarezza e la perdona e gli dà il Suo viatico per iniziare un nuovo cammino!

Ma molti, molti di voi purtroppo non hanno la pazienza di attendere… non hanno la pazienza di attendere perché credono che se la “cosa” non viene vissuta subito, non sarà più la stessa cosa se anche dovesse essere data più tardi… Ma come si fa, come si fa a un piccolo dare un pezzo di pane… come si fa? Rimarrebbe soffocato… E molti, e molti di voi rimangono soffocati dall’ingordigia… l’ingordigia dell’avere, del possedere, dell’avere a tutti i costi, di dominare… ma arriverà il momento che ottenute queste cose sarete talmente saturi di tutto che non riuscite più a ingurgitare nemmeno un piccolo seme… e allora tutto comincia ad avvelenarsi, tutto comincia a putrefarsi… e allora incominciate a divenire veramente delle anime che si contorcono perché hanno fatto indigestione di tutto!!

Figli cari, 2000 anni sono passati in cui è stato predicato che per salvarsi ci vuole purezza, sincerità di cuore, obbedienza, abbandono, giudizio, sapienza… ma la sapienza che viene dalla Legge di Dio!

Allora, Io vi dico: vale la pena ottenere tutto e subito e non saper gestire poi, comunque, tutto ciò che avete ottenuto, e morire… e morire in eterno?

Poveri voi, perché non riuscite a capire e non volete capire che l’INFERNO E’ ORRIBILE!?

E i demoni che ci sono dentro vorrebbero uscirne… ed escono, ma non escono per andare a fare del bene, anzi… i demoni escono mandati da SATANA per perdere le anime! Vogliono “divorare” più anime possibile, vogliono far fare a tutta l’umanità la loro stessa fine: bruciare nel fuoco eterno… ma non quello Divino, quello del Padre che brucia, arde d’Amore… ma quello dell’odio!!!

Ecco, quanti strumenti la Madre ed Io abbiamo portato a far “vedere” i tre stadi in cui l’anima quando muore “soggiorna”.

DiteMi qual’è quell’anima che ha detto che avrebbe “desiderio” di andare nella Geenna…? Orrore, orrore… Se avete letto qualche testimonianza di questi Santi, non avreste altro desiderio che di santificarvi, avere umiltà, non avere niente su questo mondo se non amore per il Padre! Ma purtroppo… purtroppo l’angelo tentatore è sempre in azione… e i deboli li divora in un istante! Ma perché sono deboli? Perché non hanno accolto Me, non hanno accolto la Parola… troppo difficile da capire, troppo difficile da mettere in pratica; ma come può essere difficile amare?!?

Allora Io dico: per quale motivo un Dio Si è fatto Carne per salvare l’umanità? E una piccola, misera Creatura di Nazareth ha detto il Suo “Sì” per Amore del Padre, per Amore di una Parola, per Amore di uno Spirito che ha voluto “possederLa” per donare al mondo Me, Parola del Padre in cui non c’è menzogna, in cui la Purezza Infinita ha voluto addossarSi tutto il putridume dell’umanità per salvarla! Questo E’ AMORE!

Amore che il Padre non chiede a voi nella maniera così completa… vi chiede una minima parte; e la minima parte è quella sola Legge che Io vi ho lasciato quando sono andato al Padre “AMATEVI GLI UNI GLI ALTRI COME IO HO AMATO VOI!”… e un'altra cosa vi ho detto: “CHI VUOLE SALVARE LA PROPRIA VITA SU QUESTA TERRA, PERDE LA VITA ETERNA; CHI MUORE A SE’ STESSO E SEGUE IL PADRE, RISORGERA’ NELLA GLORIA, NELLA PACE E NELLA GIOIA DEL PARADISO ETERNO!”.

Allora figli vi dico: non c’è cosa più grande al mondo che vivere la Parola nella propria vita e metterla in pratica…

Vivere, vivere, vivere… vivere è morire a sé stessi, come vi ho detto…

ma non di uccidersi… no, non è questo… vivere nella morte del mondo, sì!

Il mondo attrae con i suoi bagliori, ma la Vita del Cielo vi attrae ancor di più se la vedete con gli occhi della fede; la fede, quella che l’Apostolo Paolo vi dice che “Non c’è fede senza le opere e le opere senza la fede”, e tutte queste cose sono la carità, e queste cose ancora insieme sono l’Amore, l’Amore che il Padre vi infonde in continuazione nel vostro spirito.

Aprite, aprite le porte del vostro cuore e aprite le vostre orecchie all’ascolto, all’ascolto sincero, all’ascolto vero, all’abbandono completo… e nel silenzio del vostro cuore, nell’anima vostra leggete la Parola che vi ho lasciato…

Supplico insieme a voi il Padre affinché vi effonda ancor di più il Suo Amore, la Sua Sapienza e la Sua Volontà Divina…

Padre Nostro…

Questo mese vorrei che voi vi immergeste veramente e completamente nel Mio Preziosissimo Sangue… quanto ne è stato versato per tutti voi, per la vostra santificazione, per la vostra salvezza, perché foste lavati da tutti i vostri peccati e foste graditi al Padre.

Il Mio Sangue ha voluto purificarvi in modo da poter lavare completamente la vostra anima come un vestito, che, “sporcatosi”, viene messo nell’acqua limpida affinché possa essere deterso e smacchiato. Il Mio Sangue è questo che vuole fare in tutti voi e per voi e con voi; quindi tutto ciò che è nel vostro cuore, tutto ciò che vi appesantisce, tutto ciò che vi aggrava l’anima di angoscia, di tristezza, di dolore… immergetelo tutto nel Mio Sangue Preziosissimo. Io come un lavandaio laverò le vostre anime e i vostri cuori; il Mio Sangue avrà quell’effetto “dolcificante” affinché tutto attutisca e tutto porti e ridimensioni.

Il Padre ha voluto e ha concesso che questo Mio Sangue servisse per l’umanità intera… Ricordatevi figli che basta una stilla del Mio Sangue affinché possiate essere salvati… Certo, per alcuni ci vorrebbe un catino pieno… quanto ne è stato versato e non è servito a niente!…

…C’è chi non è stato scalfito nemmeno dallo scalpello appuntito… e il Mio Sangue è andato disperso… ma Io non desisto! Io è vero, l’ho versato tutto il Mio Sangue per voi, ma ancora lo verserei e lo verso per coloro che Mi amano, per coloro che si immergono nella Mia Generosità… Fiumi di Grazia abbondanti che voi non saprete nemmeno riconoscere talmente sono un effluvio… di Amore per tutti voi!!!

Figlie, figli cari, non dimenticate mai che Io, Gesù, il Crocifisso, il condannato a morte, ho dato la Mia Vita per voi e la ridarei anche per un anima sola, affinché si salvi; quindi immergetevi sempre, sempre, sempre, nel Mio Calice di Sangue e lì avrete la vostra salvezza!

Padre Nostro…

E ancora vi dico: testimoniate, testimoniate, non avete paura, non abbiate paura di testimoniare la vostra fede, la vostra appartenenza con le opere, con le parole, con le azioni, con la vostra carità, con il vostro amore, la vostra saggezza che voi acquisite giorno per giorno attraverso la Mia Parola.

Aprite le vostre menti e il vostro cuore… apritelo in maniera universale, affinché Io possa entrare più direttamente nei vostri fratelli più sfortunati, o che non Mi hanno conosciuto, o che Mi hanno di-sconosciuto, o che non gli è stato insegnato che C’E’ UN SOLO DIO, UN SOLO PASTORE, UNA SOLA CHIESA E UN SOLO RE:

DIO PADRE

DIO FIGLIO

DIO SPIRITO SANTO!

Un solo Re in TRE PERSONE UGUALI E DISTINTE… OGNUNO HA LA SUA MISSIONE SULLA TERRA!

Quante volte vi siete sentiti dire “Allora sono tre, non sono una sola…”. NO! allora Io vi spiego:

la SS. TRINITA’ E’… IL PADRE, ma è come….. anzi, ve lo spiego ancora più chiaramente:

Voi avete un pezzo di pane… da questo pezzo di pane ne tagliate un pezzo, sempre pane; è un altro pezzo, è distinto perché non è più insieme all’altro, ma è sempre pane!

Lo SPIRITO SANTO: stacchiamo un altro pezzo di pane, è sempre lo stesso pane… però lo Spirito Santo ha un'altra missione!

Il Padre effonde sulle altre due Persone tutta l’immensità della Sua Sapienza, della Sua Intelligenza, della Sua Onniscienza, della Sua Onnipresenza… e lo Spirito Santo e il Figlio hanno la stessa uguale Natura del Dio Padre… Ecco perché diciamo:

E’ UN SOLO DIO

SONO TRE PERSONE

MA SONO UNA SOLA COSA!

E se tu questi pezzi che hai staccato dal pezzo di pane li riunisci insieme, diventano, ridiventano la stessa cosa; rimessi insieme formano sempre lo stesso pane!

Ecco la SS. TRINITA’! Avete capito?

Tu che fai catechismo (qui si rivolge a una componente del gruppo, M...), spiegalo così ai tuoi bambini, spiegalo come un “pezzo di pane”; vedrai che lo capiranno e riusciranno a capirlo…

Puoi farlo con il pane, puoi farlo con un dolce, puoi farlo con una caramella, puoi farlo con un gelato… è sempre quello; secondo l’età che hanno tu devi spiegarlo affinché loro amino la SS. TRINITA’ perché lo capiscano che cos’è!! ”

(M… dice di sì e spiega come ha sempre saputo capirlo…)

“Anche ai grandi spesso e volentieri bisogna parlare come ai piccoli… spesso e volentieri sono i grandi che non capiscono. I piccoli sono ancora puri e riescono ad assimilare molto più che un adulto; un adulto è inculcato nelle sue idee e prima di fargli capire veramente le cose, hanno bisogno di essere “nutriti” come lattanti… e ai lattanti cosa gli dai subito? Gli dai il latte… e quindi la spiegazione più “spicciola”, come diciamo, per fargli capire è questo:

le TRE PERSONE è vero… ognuno di Noi ha una missione; però per far capire la Trinità bisogna fare l’esempio spicciolo: il pezzo di pane, una tovaglia, un foglio… Proprio, purtroppo… la Nostra Umiltà vi vuole insegnare che per farsi capire non c’è bisogno di grandi esempi.

Noi ci umiliamo, ci prostriamo fino a terra per farci comprendere ed amare dalle Nostre creature… Quale dio, quale dio di altre religioni fa questo per essere compreso ed amato dalle sue creature?

Più semplice è la spiegazione… più le persone “intellettuali” troveranno sempre il “cavillo”… ma le persone semplici capiranno!!!

Noi vogliamo vivere nelle persone semplici; LE PERSONE ARROGANTI NON SONO IL NOSTRO PANE! Sono il Nostro pane per la conversione, per convertirle, per fare capire che la superbia non è il PANE DI DIO… E allora tutto, tutto deve essere spiegato, specialmente alle persone che si sono inculcate e inoltrate in un sentiero non buono; bisogna spiegare le cose meglio che a un bambino!

Vi ho detto: l’innocenza del bambino assimila, la “sapienza” dell’adulto allontana… Quindi, quando Io vi dico “Fate come questi piccoli e avrete il Regno dei Cieli”… cosa voglio significare? Che la purezza, la piccolezza, l’umiltà E’ IL TRONO DI DIO!

Ecco, vi ho spiegato per fare capire la NOSTRA DIMENSIONE!!!”

(M… ringrazia in modo emozionale per tutta la catechesi che Gesù ci ha donato.)

Fate la Volontà del Padre Mio e vostro, questa è la Mia Felicità!

Obbedite al Padre, e se obbedite al Padre obbedite a Me che il Padre ha mandato per evangelizzarvi, per istruirvi, affinché voi seguendo le Mie orme possiate non dire “non sapevo!”. E allora, avete, avete le Scritture, lì è tutto ciò che Io voglio e che il Padre vuole; e allora se Io e il Padre lo vogliamo, lo Spirito Santo desidera istruirvi… L’ho mandato apposta affinché vi istruisse… ma voi quante volte invocate lo Spirito Santo affinché voi possiate agire nella vostra vita secondo i desideri del Padre?

Siete figli testardi e volete fare di testa vostra, e poi quando le cose si ingarbugliano, annaspate… “Ah ma io… io volevo, io credevo”… NO! NO!

Prima di iniziare qualsiasi attività, prima di iniziare qualsiasi cosa della vostra giornata, invocate lo Spirito Santo su di voi, sulle persone che dovete incontrare, sul lavoro che dovete fare, su tutto ciò che vi capiterà su questo mondo quando iniziate la vostra giornata… e ringraziateLo alla fine della vostra giornata di avervi illuminato, di avervi seguito, di avervi istruito, di avervi amato, di avervi protetto, di avervi suggerito ciò che dovevate fare, dire, agire e via dicendo!

Invocate lo Spirito Santo, questo grande Sconosciuto e Dimenticato!

E’ vero c’è il Padre, ci sono IO, ma cosa grandissima è lo Spirito del Padre e del Figlio che scende su di voi e vi illumina… Questo è ciò che voi dovete fare… nient’altro, nient’altro; mettetevi all’ascolto, non sentire e basta, ASCOLTO… sono due cose ben diverse!

Si sente un rumore, si sente una parola, si sente qualsiasi cosa, ma ASCOLTARE si ascolta… con il cuore, con la mente aperta e con l’animo disposto a seguire l’ispirazione che vi viene data.

La Madre Mia, ascoltava e meditava tutto ciò… dice il Vangelo.

E quale grande Donna, chi meglio di Lei vi può aiutare ad invocare lo Spirito Santo, a farLo scendere su di voi e a restare insieme a voi e ad aiutarvi a capire e ad ascoltare il soffio dello Spirito.

La Madre Mia, la Grande, la Grande… la GRANDISSIMA… L’unica Donna grande che ha saputo veramente ascoltare e agire con Amore, con serenità anche nelle TRIBOLAZIONI!

Ascoltare, meditare e agire…

Ascoltare, meditare e agire…

Avete compreso?”

(M… parla delle sue angosce…)

Gesù risponde:

“Lascia tutto, lascia tutto; quando incomincia l’angoscia lascia… mettiti in preghiera e ricomincia daccapo. Non capisci che l’angoscia non te la dono Io? L’altro ti vuole mettere in confusione, sa il tuo punto debole… è lì che lui sperona… Vuole accelerare il tuo passo, vuole farti galoppare su un cammino, su una strada che non è la Mia… E allora, quando tu incominci a vedere e a sentire che si avvicina questi momenti… non ci pensare più! Lascia andare, fai un'altra cosa, pensa a un qualche altra cosa, lasciala, mettila nelle Mie Mani… e poi riprendi il cammino…”

(Anche L… esterna le sue ansie e i suoi combattimenti nel seguire gli insegnamenti e le sue esperienze…)

“Vedi figlia Mia che questa scuola, la 1° che avete fatto e questa più concreta, ti ha aiutato molto nel tuo cammino e Io sono contente perché hai constatato attraverso i momenti delle tue giornate, prima angosciate, arrabbiate, ora invece sono più… liete, sono più consapevoli, ed è questa la Grazia che ho voluto darti, è proprio questo che ho voluto farti capire… che nell’angoscia non si fa, non si fa a noi stessi il bene. Nell’angoscia, nell’amarezza, nell’odio, assolutamente si vive nel disordine… e quindi non c’è pace, non c’è serenità, non si affronta mai il cammino nella maniera giusta; invece sono felice che tu abbia compreso che abbandonarsi completamente a ME è la medicina per la guarigione dell’anima… e di conseguenza se l’anima è guarita, anche il corpo guarisce da tutti i traumi che ha subito… non è vero figlia Mia? Quindi, quindi continua, continua questo cammino di pace e di serenità e veramente segui la Madre Mia che ti istruirà ancor di più su cos’è l’obbedienza, l’amore, l’accettazione, la perseveranza nella fede e soprattutto la carità dell’amore verso coloro che non ti hanno amato!”

(L… ringrazia il Signore per i Doni ricevuti.)

“E allora lodiamo il Padre per le meraviglie che fa in ognuno di voi, nelle vostre famiglie, nelle vostre case, nei vostri cuori, sulla vostra anima, affinché veramente siate portavoce delle Grazie che il Signore Dio Padre vi elargisce!!

Padre Nostro…”

 

(Gesù se ne va e finisce così la catechesi…

M… ringrazia, prega a nome dell’assemblea, per gli assenti e per tutti noi presenti; E... ringrazia per la catechesi ricevuta e si impegna a fare ciò che Gesù ci ha detto oggi… poi si leggono alcuni passi della Bibbia che sono stati aperti a caso prima e dopo la catechesi e tutto è conferma di quanto ascoltato. Poi si ringrazia Maria SS. con una preghiera finale e si termina l’incontro.)

06.07.2006 (Terminiamo alle ore 23.00)