Skip to main content

Cenacolo n. 23

Posted in

(Ci rincontriamo per la 23° volta nel cenacolo nella casa delle suore, ex Istituto per sordomuti. Dopo aver sistemato il nostro altarino con la Bibbia aperta, con la luce della candela e con l’immagine di Gesù e Maria SS. e la Beata Maria di Gesù Crocefisso l’A.. legge una riflessione tratta da una meditazione di una suora carmelitana sul brano biblico “ASCOLTA ISRAELE”, poi leggiamo insieme la preghiera allo Spirito Santo di S. Teresina del Bambin Gesù e cantiamo l’Inno allo Spirito Santo.)

 

Viene Maria SS. ed esordisce così:

“Esulta la Mia Anima, esulta la Mia Anima… Quanta gioia Io leggo nei vostri cuori in questo cenacolo e la Mia Gioia è ancora più grande perché una sposa si è unita a voi…

Dolcissimo, dolcissimo Spirito che spiri sulle anime dei giusti e non giusti, ma qui lo Spirito Santo si è posato su ognuno di voi.

Figli cari, sposa Mia… vedi, oggi il Signore, Padre di tutti quanti i cristiani, ha voluto la tua presenza, la tua presenza religiosa affinché tu possa testimoniare che in questo cenacolo lo Spirito del Padre, del Figlio, dello Spirito Santo e della Sposa Sua è qui a confortare i vostri cuori e le vostre anime. Grazie, grazie sorella, che la tua “curiosità” d’amore ti ha portato qui, insieme a questi tuoi fratelli di fede.

Figlia cara, Io so che tante tribolazioni tu hai nella tua vita religiosa… ma come avete detto nella preghiera di S. Teresina, voi dovete essere le testimoni e le apostole dell’Amore del Signore Gesù vostro sposo. Non c’è Santità nella vostra vocazione se non c’è la donazione completa alla Volontà del Padre vostro e del vostro Sposo Divino.

Cara sorella, tu non sai quante volte ho pregato Gesù di rialzarti dalle tue angosce quando ti sei prostrata nei dolori della tua vita religiosa… quante volte Io ero accanto a te quando tu adoravi Gesù nel Santissimo Sacramento ed invocavi la Sua protezione. Ecco, forse tu non avrai mai percepito intensamente l’abbraccio del tuo Sposo che ti racchiudeva nel Suo Cuore, ed Io insieme a Lui ti confortavo nelle tue vicissitudini, nei tuoi dolori, nelle tue ansie… e ti ho aiutato nelle tue difficoltà terrene e le responsabilità che tu hai in questa casa.

Figlia cara, quante anime purtroppo, tue consorelle, in tutti gli ordini religiosi si perdono perché… guardano il mondo! Prega, prega tanto il Signore che illumini queste anime che hanno perso la loro gioia nella loro vocazione; oggi il mondo purtroppo non concede spazi di riflessione se non davanti a Gesù! Allora lì, Gesù illumina i cuori e le menti, lo spirito si innalza veramente alle Alture Divine, affinché dal Cielo scendano le Grazie e le Misericordie del Padre e si effondano nel cuore dei Suoi fedeli e soprattutto delle Sue spose che con fervore adorano.

Figlia cara… non c’è bisogno che la parola, o degli occhi, o dell’udito, per ascoltare e vedere le gioie che il Signore ci dà. Sono gli occhi del cuore, le labbra, è l’aprirsi e il chiudersi del cuore che palpita in unione con lo Sposo Divino che ascolta in silenzio il cinguettio del cuore e dell’anima della sposa che prostrata davanti al suo Sposo parla nel silenzio, nella comunione dell’Anima e dello Spirito. Si può essere sordi, muti e ciechi pur avendo tutti i sensi aperti… ma si può essere veramente veri ascoltatori, adoratori della SS. Trinità nel silenzio delle labbra, nella chiusura degli occhi e delle orecchie, ma con il cuore aperto all’Amore che Dio Padre, Dio Figlio e Dio Spirito Santo e la Sposa di Esso effondono su ognuna di voi, figlie care, sorelle di vocazione.

Ma questo non è di meno per tutti voi, figli Miei… Voi avete la vostra vocazione nell’ambito delle vostre famiglie, del lavoro, della vostra comunità, nelle vostre scale dove abitate; questa è la vocazione! L’avete sentito: (qui si riferisce a ciò che non registrato avevamo letto: lo SHEMA’) “Tendi l’orecchio, ascolta Israele”… che bello! Ascolta, “ASCOLTA”, non “senti”… quante volte ve l’ho detto! Il “sentire” si perde, l’“ascolto” si immagazzina in noi stessi; e si medita e si prega e si gioisce nella comunione alla SS. Trinità, alla Madre vostra.

Figlia cara, Io so che tu hai racchiuso dentro il tuo cuore ciò che ti sto dicendo; fanne perla preziosa per te e per le tue consorelle e per tutti coloro che il Signore Gesù tuo Sposo ti farà incontrare ancora sulla tua strada, fino al giorno che il Signore deciderà che è tempo di riunirti a Lui. Aspettalo questo giorno con trepidazione e preparazione, sii sempre unita a Gesù tuo Sposo, non allontanarti mai, mai dal Suo Cuore, e vedrai che presto, sicuramente il Signore parlerà in modo diverso al tuo cuore e ti farà capire tante altre cose che tu dovrai fare ancora, prima della tua chiamata.

Ti amo figlia cara, continua ad amare il tuo Sposo con tutta l’anima, con tutto il cuore, con tutte le tue forze, e testimoniaLo con la tua vita di sposa di Gesù.

Io prego il Padre affinché tu possa veramente continuare ad essere veramente la “foto” di Gesù! Non una brutta foto, ma una bella foto che Gesù stamperà nel Suo Cuore, come ha gia stampato, ma la rafforzerà e la terrà stretta a Sé e ti sussurrerà nel silenzio del tuo cuore tutte le Sue Parole d’Amore, di comprensione, di bontà, di tenerezza…

Padre Nostro… Ave Maria… Gloria al Padre…

 

Vi dono la Mia Mano figli, affinché essa possa condurvi nella vostra vita con serenità.

Figli cari, il mondo è impazzito, già ve l’ho detto, ma ogni giorno di più; il mondo prende tutti i veleni di satana! Figli cari, non c’è nel mondo in cui satana non operi con le sue malvagità!

Figli, tante volte vi ho detto: pregate, pregate con insistenza affinché il Padre mandi veramente il Suo Spirito a sanare il mondo! Questo mondo è malato, malato dei vizi più schifosi, più nefandi… Il Mio Cuore di Madre soffre immensamente nel vedere tante anime innocenti morire sotto il peso dei soprusi altrui; il mondo è indifferente, è indifferente… Non crediate perché molti dicono “Oh guarda, si commuovono per una morte”, ma non fanno niente, non fanno niente per cambiare questo mondo impazzito! Figli cari, per cambiare il mondo basterebbe che ognuno di voi pregasse veramente con il cuore, con il cuore in mano, come Io e Gesù ve lo doniamo… ma voi trafiggete, continuamente, continuamente i Nostri Cuori.

La carità viene fatta soltanto per essere riconosciuti buoni… non è questa la carità che Gesù vuole da voi, no... assolutamente NO! La carità è avere dentro il vostro cuore il desiderio di salvare le anime! Non è che dovete fare cose grandiose, ve l’ho già detto… le cose “piccole” son quelle vere, ricordatevelo… le piccole offerte, i piccoli sacrifici, le continue preghiere al Cuore del Padre, a Gesù, alla Madre vostra che qui incessantemente, in tutti i luoghi, cerca di convertire i vostri cuori, di aprirli all’Amore…

Figli cari, Io lo so, voi qui presenti cercate di mettere in pratica ciò che sono stati gli insegnamenti di questi Nostri incontri. Molti di voi sono derisi, lo so, non son creduti, sono presi in giro… ma non preoccupatevi, non preoccupatevi… e lì che è il vostro cammino verso la Santità… non preoccupatevi del mondo! Il mondo passa, ma il Paradiso si abbassa verso di voi se voi sarete veramente quei figli caritatevoli per amore del vostro Padre, di Gesù, delle anime dei vostri fratelli, di tutti coloro che hanno bisogno della vostra preghiera. L’aiuto principale che Io vi chiedo, figli cari, non è tanto la donazione di un qualcosa di materiale… certo occorre anche quello… ma chi non ha possibilità, ha la possibilità più grande: la preghiera, LA PREGHIERA… la preghiera di cuore, la preghiera col cuore, la preghiera nei Cuori di Gesù e di Maria, vostro fratello e vostra Madre… Noi tutto prendiamo, purificandolo come già vi ho detto, e lo portiamo al Cielo, a Dio Padre, al Suo Trono… e cos’è che il Padre non accetterà se ciò che gli viene offerto viene dal Figlio e dalla Sua Sposa? Assolutamente niente!!!

Allora… non vorrei dirvelo ancora, ma ve lo ripeto: abbracciate le vostre croci, baciate la Croce di Gesù… prendete la Mano di questa Madre che vi porge il Suo aiuto per farvi camminare sul sentiero di Gesù Cristo!

E’ vero, molti di voi hanno una vita di calvario… ma chi non l’ha? Chi è e chi accetta il suo calvario insieme a Gesù e alla Madre vostra non perirà, NON PERIRA’… GIOIRA’, GIOIRA’ NEL REGNO DI DIO QUANDO TUTTO SARA’ SCOMPARSO!

Ricordatevi: non è la terra che conta, ma è il Cielo, il CIELO… dove Dio Padre vi attende con gioia, e con le Sue Braccia aperte vi accoglierà quando vi chiamerà a Sé… E lì ci sarò Io, insieme a Gesù, insieme ai vostri Angeli… sarete accompagnati al Tribunale di Dio, ma non dovete temere, assolutamente… perché se siete presentati dal Figlio e dalla Sposa e dai Santi Angeli non dovete temere, sarete protetti anche all’ultimo momento della vostra vita terrena perché siete con Noi, e niente, assolutamente niente potrà fare il nemico contro la vostra anima.

E allora figli, anche se il mondo è pieno di odio, pieno di guerre fratricide… specialmente nei Nostri luoghi dove dovrebbe regnare la pace, dove i Piedi Santi di Gesù hanno solcato quelle strade, dove il Sangue Preziosissimo di Gesù è stato versato… Figli, pregate per questi popoli, per il Nostro popolo, per i vostri fratelli maggiori che per primi hanno ricevuto la Parola, ma non l’hanno accolta…

Gesù ha detto “Beati, beati gli ultimi perché saranno primi”; e voi non sarete né primi né gli ultimi, ma voi siete coloro che devono aiutare i fratelli che si sono persi nei loro egoismi e nei loro peccati di presunzione e d’orgoglio e di superbia…

 

Ecco, non voglio rattristarvi ancora figli cari, ma la Mia Gioia è sempre in Me e voglio donarvela. Il Mio Bacio d’Amore sia sui vostri cuori e nelle vostre anime… e siate veramente bravi, buoni, caritatevoli, verso voi stessi, verso il prossimo, verso i famigliari, anche coloro che vi arrecano tante, tante preoccupazioni di vario genere…

Non temete, non temete, Noi siamo qui, siamo qui con voi… e VI AMIAMO! Vi amiamo con un intensità d’Amore che se ve la dessimo nella sua pienezza ne morireste talmente è immensa! E allora, cercate di assimilare dentro di voi l’Amore che piano piano Noi vi doniamo ogni qualvolta che voi riuscite a percepirlo nei vostri cuori.

Io vi amo tutti, tutti indistintamente e in egual misura, come vi ama il Padre e il Figlio e lo Spirito Santo, al quale Io chiedo su di voi e su tutti, tutti coloro che avete nel cuore, nelle vostre case, nelle vostre comunità, nei vostri pensieri, coloro che incontrerete sempre sulla vostra strada, affinché voi siate veramente testimoni dell’Amore della SS. Trinità, della Triade Divina e di tutto il Paradiso… E vi benedico, figli Miei, nel Nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo. (Amen) Sia Lodato Gesù! (Sempre sia lodato!)

Padre Nostro… Ave Maria… Gloria al Padre…”

 

(Qui termina l’intervento della Mamma e iniziano le testimonianze: la prima è di Suor A… che ci rende la sua testimonianza di adesione e di benevolenza del gruppo che si è riunito nella sua casa, confermando che è stata felice di essere con noi con la speranza di poter partecipare ancora ad altri cenacoli… poi l’A.. fa la sua testimonianza e ringrazia il Signore per averci donato la presenza di questa sorella religiosa che ci ha confermato la sua convinzione della presenza dello Spirito Santo nel nostro cenacolo, poi M… e tutti gli altri componenti fanno anch’essi la loro testimonianza. Alla fine ci congediamo molto contenti e soddisfatti e ci diamo appuntamento alla prossima volta.)

09.11.2006 (Iniziato alle 16.00 e terminato alle 18.00)