Skip to main content

Cenacolo n. 27

Posted in

(Siamo riuniti tutti insieme all'istituto di suore del Gualandi per questo nostro 27° incontro-cenacolo. In vista della Festa dell’Immacolata Concezione di domani iniziamo questo cenacolo con il canto alla Madonna “Maria Tu che hai atteso” seguito dal canto allo Spirito Santo “Santo Spirito vieni”. Ecco che la nostra cara Madre Celeste viene a istruirci con la Sua Parola…)

 

Parla Maria SS.:

“Sia Benedetto il Nome del Signore! ” (Noi rispondiamo “Ora e sempre!”)

“Gloria al Padre e al Figlio e allo Spirito Santo ” (“Com’era nel Principio, ora e sempre, nei Secoli dei Secoli. Amen.”)

“Sia lodato Gesù! ” (“Sempre sia lodato!”)

 

“Benvenuti figli, vi ringrazio del vostro amore, vi ringrazio dei vostri sorrisi, vi ringrazio per la gioia di essere qui nel giorno precedente la Mia Festa.

Grazie, grazie di amarMi figli Miei… tutto ciò Mi riempie il Cuore di gioia e il Mio Cuore effonde su di voi il Mio immenso Amore. Abbiate sempre, figli cari, di questi sentimenti per la Mamma vostra del Cielo; Io, sempre, attendo anche un vostro sorriso, anche un vostro piccolo palpito di cuore indirizzato a Me. Vi amo, vi amo con tutto l’Amore possibile che Dio Mi ha donato per donarlo a tutti voi.

Vi ringrazio perché so che voi… tutta la settimana pensate a questi momenti che viviamo insieme… e questo lo è anche per Me! Come vorrei, come vorrei stringere tutti i Miei figli tra le Mie Braccia!

Avete sentito i Dolori di Gesù… non è a caso che vi sia stato messo questa meditazione; il Mio strumento aveva scelto i Misteri della Gioia per onorare a Me… ma lo Spirito Santo ha voluto invece che meditassi i Misteri Dolorosi… ma non per rattristarvi; è per fortificarvi figli cari, fortificarvi nelle vostre sofferenze, fortificarvi nelle vostre vicissitudini umane che, la maggior parte delle volte, sono prove, prove nelle vostre famiglie, nell’ambito in cui vivete, nelle vostre comunità, per i vostri figli, per i vostri partner; dico così perché la maggior parte di voi riuniti qui sono mamme; c’è solo un Mio piccolo figlio qua che Mi vuole tanto bene; e quindi dico partner, se no dovrei dire… i vostri sposi.

Bene figli, Io voglio sempre essere accanto a voi per potervi infondere la Mia Forza di Mamma, di Sposa, di Figlia, Figlia del Padre, di Cristiana… perché anch’Io sono Cristiana… anch’io ero di Cristo, sono di Cristo… ero di Cristo prima che il mondo nascesse, ero di Cristo quando Lo attendevo, ero di Cristo quando è nato… sono di Cristo sempre, unito a voi figli Miei e sono CRISTIANA. Cristiana vuol dire appartenere a Cristo, Cristo Signore, Cristo Gesù… ed Io appartengo a Lui e Lui appartiene alla Sua Mamma, e tutti e due insieme vogliamo che apparteniamo a voi!

Il regalo più grande che voi figli potete farMi tutti, tutti quanti, è di non rinnegare mai Gesù Cristo, Salvatore e Redentore. Se non rinnegate Gesù Cristo amate Me che L’ho messo al mondo per voi.

Vedete, molti vostri fratelli bestemmiano Me e bestemmiano Gesù, perché non conoscono il grande Amore che ci ha portati tutti e due ad unirsi Uno all’Altro divenendo una Sola Cosa… Gesù in Me, Io in Lui; e voi quando ricevete Gesù Sacramentato racchiudete questi due Cuori nel vostro cuore… e allora, quale gioia dovrebbe esserci nei vostri cuori, un esultanza, un incontenibile felicità poiché il Cielo Si abbassa a voi per divenire piccolo dentro di voi, ma poi esplodere nel grande Amore e nell’unione che ci lega gli Uni agli altri… non è vero figli? (“Sì”, rispondono i presenti.)

Quante volte quando vi riunite nella preghiera davanti a Gesù, quante volte dite a Me “Maria, prega Tu per me Gesù, portami a Gesù!”… ed Io ogni volta che voi invocate la vostra Mamma… la vostra Mamma vi conduce a Gesù!

Vedete… quante volte avete pensato a Maria che prende per Mano Gesù e Lo accompagna… camminano insieme, Gesù piccolino, la Mamma… che ad ogni strattone della Mano del piccolo Gesù Si china, e i Loro Sguardi, il Mio e il Suo Si incontrano, in un effusione d’Amore così grande che talmente è incontenibile che esplode al di fuori di Noi e lo effondiamo a tutti coloro che ci amano.

Il Mio cantico dice “Grandi cose ha fatto in Me l’Onnipotente e Santo è il Suo Nome”; è vero, lo ha fatto in Me, ma grandi cose il Signore farà in ciascuno di voi se soltanto chinaste il capo nell’abbandono più completo alla Volontà… Figli cari, certamente voi direte “Quante volte ci ripeti Mamma di fare la Volontà del Padre!”… ma sempre, sempre vi dirò: fate la Volontà del Padre, fate la Volontà del Padre, perché è così, è solo così che sarete veramente FELICI!

Bé, ci sarà anche chi vi suggerisce “Ma come si fa ad essere felici nella sofferenza?”… Ah, ancora voi non siete aperti figli a questo grande Dono; intendiamoci, non voglio dire che per forza uno deve soffrire, questo no… ma, la sofferenza è anche il sentirsi non ancora aperti a quella Grazia che vi fa veramente figli, figli, strettamente figli nel Cuore del Padre.

Quante volte tu, tu, tu, avete detto “Ma basta Signore, quante sofferenze, non ce la faccio più…”; così dovete dire eventualmente: “Non ce la faccio più, aiutami”, ma non mai “Non ne posso più”… “Non ne posso più” è un rifiuto…! Io non ho detto mai “Non ne posso più”, magari ho detto “Padre, aiutaMi a sopportare, farò la Tua Volontà, tutta intera ma, aiutaMi a sostenere questo gran peso”… ed è stato molto grande…

 

Non voglio rattristarvi figli, Io voglio essere con voi gioiosa della grande Festa che voi onorerete domani per Me, ed Io in un Abbraccio unico vi porterò insieme a Gesù davanti al Padre con tutte le vostre necessità, con tutti i vostri problemi, con tutte le vostre sofferenze, con tutte le vostre problematiche di tutti i giorni… porterò le vostre famiglie e quelle dei vostri figli… porterò al Signore tutte le vostre preghiere interiori che non volete esternare… ma Io vedo, Gesù sente, il Padre ascolta… e poi esaudisce! Quindi figli cari, siate felici, siate gioiosi perché la vostra Mamma vi ama immensamente, vi ama tanto… e vorrei che voi foste veramente consapevoli di questo Nostro Amore, Mio, di Gesù, del Padre… perché se voi riuscirete a comprendere tutto questo, allora supererete tutto quanto e affiderete tutto a Noi e avrete quella fiducia che Io ho avuto durante tutta la Mia Vita terrena; ed ora questa Fiducia Io la ripongo in voi, figli cari, affinché voi possiate dire “Io sono figlia di Maria, io sono figlio di Maria, noi siamo qui riuniti nel Nome di Maria, la Madre di tutti gli uomini”… ed Io figli, gioirò e vi esaudirò per quanto sarà nella Mia facoltà di fare… tutto ciò che avete nei vostri cuori e che vi angoscia… però… però… costanza, preghiera, abbandono, silenzio, amore, carità, gioia, perdono… ed ora quando voi avrete nel cuore questo, Noi saremo tutti insieme a voi!

E adesso Io vi dico figli cari: portate la Gioia del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo nei vostri cuori e in chi avete dentro il vostro cuore; che il Signore vi dia la Sua Pace, la Sua Gioia… e la Sua Gioia di essere vostro Padre. E a Me, Madre di tutti voi, donateMi almeno 10 minuti della vostra giornata… pregate per le intenzioni Mie che sono molto grandi e sono tutte a vostro favore… pregate, Mi raccomando, per il Mio figlio prediletto, assistetelo sempre con la preghiera, non abbandonatelo mai; seguite i suoi consigli, seguite la sua dottrina perché viene dal Cielo... amatelo perché amando lui amerete Me e Gesù.

Vi benedico figli e figlie e vi dono tutto il Mio Amore di Madre, di Figlia e di Cristiana.

Vi benedico nel Nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo.

Padre Nostro… Ave Maria… Gloria al Padre…”

(La M… ringrazia sottovoce la Madre SS. per il suo intervento, quindi si inserisce una nuova “voce”…)

 

“Eccomi qua fratelli… e voglio, voglio ringraziare chi in questa settimana ha pregato per me.

Non mi conoscete, non sono un Santo, non sono un anima liberata, ma le vostre preghiere… Voglio dirvi solo due parole: pregate, pregate sempre per le anime del Purgatorio, hanno tanta necessità che qualcuno innalzi la loro anima a godere della Luce di Dio.

Ecco, il Signore mi ha permesso di darvi una piccola testimonianza, affinché voi capiate che soltanto le vostre preghiere possono innalzarci, possono farci avanzare nel cammino della Luce. Molte anime soffrono perché nessuno prega per loro… sapeste quante anime sacerdotali, quanti religiosi e religiose sostano in questo… questa nebbia dove il dolore per i peccati commessi è veramente palpabile e visibile ai nostri occhi, perché ci rendiamo conto quanto siamo stati sciocchi durante tutta la nostra vita!

E’ vero… Dio ci ha fatto liberi… Dio ci ha fatto liberi di agire in bene o in male; Dio ci dà tutte, tutte le prerogative per capire come bisogna condurre la nostra vita… ma la nostra libertà, la nostra intelligenza umana naturalmente ci porta ad essere superbi… avere soprattutto l’amore per il nostro “io” e non per il nostro Dio… e allora, quando tutto è compiuto sulla terra e arriva l’ultimo momento… ecco che Dio Padre ci illustra tutta la nostra vita. Per noi la nostra vita può essere più o meno breve: 30, 20, 50, 100, 80… io ne avevo 86 quando sono morta… e sarei veramente morta se all’ultimo momento non avessi invocato la Madre Nostra!

Lei, la Misericordiosa, mi ha salvato… MI HA SALVATO… e ora, dopo aver scontato la mia pena, mi sto innalzando nella Luce, e ringrazio quanti, quanti fratelli ancora qui nella terra hanno pregato per la mia anima.

Vedete, voi non potete sapere quando pregate per le anime del Purgatorio quante anime avrete salvato; ma io vi dico che quando arriverà la vostra ora… le anime che avete salvato si faranno riconoscere da loro, da voi, e vi diranno “grazie” e vi faranno festa!

Ora il mio breve spazio è terminato, ma vi dico: mi raccomando, non… non fate sì che le anime debbano soffrire senza che nessuno le suffraghi… abbiate lo stesso amore che avreste per i vostri figli; un anima purgante può pregare per voi, ma per sé stessa non può pregare! Quindi vi dico fratelli: pregate, pregate anche per quelle più abbandonate, perché ci sono anime che ancora languono nel più profondo Purgatorio perché nessuno le suffraga… sono dimenticate! Pregate, pregate specialmente, oltre che per tutte le anime del Purgatorio, per le anime sacerdotali… ecco che loro, essendo Unti del Signore, avendo le vostre preghiere, potranno fare molto per potervi concedere dal Signore le Grazie di Conversione, di Guarigione, di Amore, tutto ciò che vi serve per vivere e non morire!

Vi saluto fratelli e vi dico: abbiate, e amore per le anime purganti, e amore per voi stessi e per i vostri fratelli sulla terra, perché di ciò che voi non farete su questa terra dovrete risponderne un giorno quando dovrete presentarvi al Padre.

L’Eterno Riposo… (per tre volte)”

 

(Termina qui questo cenacolo. Noi tutti ringraziamo per le Parole ricevute anche questa volta e chiediamo aiuto e forza al Signore per andare avanti nella nostra vita nel miglior modo possibile, sempre nella Luce del Signore.)

07.12.2006 (Iniziato alle 16.30 e terminato alle 18 circa.)