Skip to main content

Cenacolo n. 29

Posted in

(Incontro-cenacolo N. 29. Siamo in casa di V… per questo nuovo incontro per pregare e per ricevere, a Dio piacendo, la Sua Parola Divina attraverso i Suoi Santi interlocutori. Iniziamo subito pregando tutti insieme una preghiera sul perdono “Signore come Tu perdoni, anche io perdono” poi invochiamo la discesa dello Spirito Santo su tutti noi. Preghiamo il S. Rosario nei Misteri della Luce, quindi intoniamo il canto “Inondami Signore col Tuo Spirito”. Ed ecco che viene la Madre SS. ad istruirci con la Sua Parola…)

 

Parla Maria SS.:

“Sia lodato Gesù Cristo! ” (“Sempre sia lodato!”)

“Vieni Spirito Santo su questo cenacolo, illumina i cuori, guarisci l’anima, inondali del Tuo Santo Amore, dona Pace in questa casa e in tutte le case dei componenti il cenacolo, che sono presenti o che sono assenti, guarisci i figli che stanno soffrendo nello spirito e nel corpo, guarisci Signore da tutti i mali che si annidano nelle loro case… infondi a loro tutti i Tuoi Doni affinché possano superare tutte le traversie della loro vita con coraggio, amore, fiducia, Santità. Alle mamme dona Saggezza, dona Prudenza, dona Amore, dona Discernimento, dona Pace… non voglio dire solo alle mamme, qui abbiamo anche un papà (qui la Madre si rivolge a L…); tutto ciò che ho detto vale anche per te figlio Mio, che lo Spirito Santo ti protegga e ti illumini nel tuo percorso.

Vedo che sei molto volenteroso nel tuo cammino di guida; persevera, ma sii meno prolisso… sii stringato nelle tue lezioni, non perdere tempo, non divagare, tieni sempre in mente e davanti a te qual è l’obiettivo principale: convertire i cuori! Convertire vuol dire “cambiare” e chi viene alle tue lezioni viene per scoprire qualcosa che ancora non sanno… e allora… se tu ti dilunghi troppo… disperdi; bisogna essere concisi, però… con attenzione! E mentre tu parli e spieghi devi osservare i volti dei tuoi interlocutori, perché capirai chi capisce ciò che dici, chi prende, chi assimila, chi invece non ritiene niente… questo è il vero cammino di una guida!

Tu non devi mai pensare se hai fatto una buona lezione, tu devi pensare se hai raggiunto i cuori… e questo lo scoprirai soltanto se tu attiri l’attenzione sulle tue parole.

E allora, comunque Io ti dico “Bravo” perché stai facendo un buon percorso di vita, sia spirituale che umano. Che Dio ti benedica, tu e tutta la tua famiglia.

 

E voi mamme, spose… ricordatevi: abbiamo ancora pochi giorni… per meditare, per parlare, per inneggiare al piccolo Gesù che viene!

Questa casa è piena di luci, è piena di attesa; i piccoli di questa casa attendono il Natale per i doni… ma ricordatevi che il Dono più grande è il Dono di Gesù. Gesù che deve vivere compagno della loro vita; ricordalo nonna, ricordalo bisnonna (qui si rivolge a V… e a sua madre I...)… parlate di Gesù, parlate di Maria, parlate del grande Mistero dell’umanità che Si è svelato in un piccolo Bambino che ha voluto, un Dio, che ha voluto farSi piccolo piccolo per diventare “Grande” nel cuore delle Proprie creature.

Dovete insegnare ai vostri figli, ai vostri piccoli, ai vostri nipoti, a chi li ha… l’UMILTA’, l’umiltà dell’amore, l’umiltà nell’accettazione, l’umiltà nel non vergognarsi ad essere cristiani, appartenere alla Chiesa, appartenere a Gesù e a Maria, RICORDATELO…!

Siate, siate sempre vigili nella loro vita, non ossessivi, VIGILI… e poi vi auguro un bel Natale tutti insieme… magari con un bel canto a Gesù Bambino! In quel giorno Gesù Bambino siederà a mensa con voi, insieme a Me e a S. Giuseppe e agli Angeli.

 

Tu figlia cara (qui la Madre SS. si rivolge a L... ), come avete fatto nella preghiera, perdonati e perdona!

Ricordati, che anche se la vita che fai non ti piace, è vita donata gratuitamente da Dio.

Dio ti ama, anche se tu spesse volte chiudi il cuore… è vero, molti dolori, molte ansie, molti tormenti, ma ricordati sempre: Io sono accanto a te, Gesù ti ama e non ti lascia andare, ma tu non allontanarti, Mi raccomando… perdonati, perdona e dai Gloria al Signore!

Auguro a te un buon Natale di Gesù; Gesù Bambino sia il centro della tua vita insieme a tuo figlio; mettiLo nel centro della casa… e anche se tuo figlio sembra che non ti ascolti, parlagli di Gesù… e quel seme piccolo morirà dentro di lui, ma crescerà nell’Amore.

Ricordati: ti voglio bene figlia e non ti preoccupare; tutto, tutto verrà come tu vorrai, ma solo devi PERDONARTI!

Quando sei in queste tristezze, non esitare, vai dal sacerdote, confessati, butta fuori tutto ciò che ti angustia… e Gesù ti benedirà attraverso il Suo ministro; ricordati… capito?

 

Tu… (si rivolge a D...) ancora ti angusti per le incomprensioni… PERDONA, continua andare avanti, ogni volta che ti deridono, non ti comprendono, dai lode al Signore; dì “E’ Natale, Gesù è venuto qua, su questo mondo, in questa terra, e Gesù abita in me! Non possono farmi niente le derisioni… Gesù vince insieme a me!”… e vedrai che il tuo Natale sarà migliore, perché sarai consapevole che Gesù Bambino, ma il grande Re dei Re, è con te!

Buon Natale figlia mia, a te, alla tua famiglia, ai tuoi nipotini. Sii saggia, Mi raccomando!

 

E anche a voi sorelle (qua si rivolge a A... e A...)… continuate, perseverate, lo so, non è facile, perché molte diversità di vedute nelle vostre case, ci sono… ma voi siete conscie che voi avete la Parola di Gesù e di Maria nei vostri cuori, le vostre anime sono piene dell’Amore di Gesù e di Maria e quindi non dovete assolutamente scoraggiarvi.

Perseverate, perseverate e vedrete che anche il vostro Natale sarà migliore. Mettete in tavola un Gesù Bambino, lo dico a tutti, anche piccolo così, a testimoniare il Natale. Gesù è nato in mezzo a voi ed è in mezzo a voi!

 

Anche tu, figlia cara (ora la Madre SS. si rivolge a E...), che negli ultimi tempi hai avuto tante tribolazioni col figlio, con la salute, col marito… Abbi pazienza, sei tanto brava ad aver pazienza, continua ad averla; lo Spirito Santo so che ti illumina sempre e ti aiuta a progredire nel tuo cammino di fedele, di amica di Gesù, di adoratrice di Gesù. Quindi, anche il tuo Natale sia un Natale di donazione, di amore, di coraggio e di pace.

 

A te figlia (per concludere la Madre SS. si rivolge a M...)… che vivi sempre, come questo Mio strumento (A..), nei pensieri dei figli…

Loro ancora non hanno capito che non è il mondo, specialmente la tua… ma tu non ti scoraggiare; lei dentro di sé ha buoni principi, ma sta frequentando compagnie non buone che la deviano… tu prega per questo! Vedrai, nel Natale che passerete insieme, parlagli di Gesù con amore… non con irruenza, Mi raccomando, perché purtroppo questi giovani sono molto irascibili… non hanno la pazienza di ascoltare. Ricordati lo “Shemà, ascolta Israele”; ecco… tu devi dirgli questo, come lo dovrà dire il Mio strumento a sua figlia per Natale. Ascolta, ascolta la Parola del Signore, ascolta… non sentire distrattamente, ascolta e medita. Io meditavo dopo aver ascoltato la Parola!

 

Quindi, vi dico: il vostro Natale sia un Natale gioioso, sia un Natale pieno di pace, di armonia, di unione e di… felicità. Gesù Bambino è in mezzo a voi, metteteLo, piccolo così, ma a far vedere che Gesù è in mezzo a voi.”

 

(Ogni membro del cenacolo ringrazia per le Parole date a ciascuno…)

 

“Grazie a voi, perché sempre avete questo bel desiderio di stare uniti alla vostra Mamma e al vostro Gesù, specialmente oggi che mancano pochi giorni alla discesa di Gesù su questo mondo; ricordate, ricordandoLo in questi bei Misteri che avete meditato, ricordate che Gesù e Maria vi amano tanto, vi amano immensamente e non vogliono mai separarvi da voi.

Quindi, il Padre vi dona la Sua Benedizione… e vi dice: siate figli saggi, adoratori del Verbo Incarnato e venerate la Sua Santa Madre. Rivolgetevi a Me figli e il Padre vi esaudirà per quanto è in Suo Potere fare se quello che chiedete è nei Programmi e nei Disegni di Dio.

E lo Spirito Santo discenda su di voi, vi doni la Sua Pace, la Sua Luce, la Sua Gioia, la Sua Tranquillità, vi doni tutti i Suoi Doni, tutti i Suoi Santi Doni per potervi veramente portare nel cammino della Santità.

Ed Io, la Madre di Gesù e Madre vostra, con la Potenza che viene dal Padre e per permissione del Padre, vi dono la Mia Benedizione Materna. Nel Nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo! Amen. Sia lodato Gesù Cristo! ” (“Sempre sia lodato!”)

 

(Ognuno di noi ringrazia di cuore per le Parole che la nostra Mamma ci ha donato anche questa volta. Apriamo a caso la S. Bibbia e ci viene incontro la Parola del Siracide 4, 11-13.

Mentre discutiamo fra noi delle Parole appena ricevute si inserisce delicatamente la voce di G…, il figlio di L… perito qualche anno fa in un incidente stradale, che dona alla sua mamma questo breve messaggio pieno di consolazione e speranza… )

 

“Tanti auguri mamma, non piangere… Sono sempre con te… sono tranquillo, non piangere più; se tu piangi ancora non mi posso levare… sii serena, passa un Buon Natale. Ti voglio bene mamma… abbraccia mio fratello per me. Ciao, buon Natale! ”

 

Gabri

(L… destinataria di questo messaggio, ringrazia in lacrime il Signore per aver permesso a suo figlio G…, ora non più al mondo, di parlarle.

Tutti insieme ringraziamo commossi il Signore e la Madre SS. per la Loro Misericordiosa Bontà nell’avere permesso che venissero donate queste parole alla madre, ancora sofferente per la perdita del figlio. La M… chiede l’intercessione di G… a favore del piccolo T… un bambino di 3 mesi, nato prematuro di 6 che è stato operato al cuore e che è a rischio di vita.

L’A.. legge una bellissima storiella dei fratelli Jewgremm “Brava mammina mia” che aveva preparato prima di questo cenacolo e che dedica proprio a L… in quanto si adatta perfettamente al messaggio appena ricevuto. Tutti insieme cantiamo il canto “Tu scendi dalle stelle” a Lode, Gloria e Onore di Gesù Bambino a pochi giorni dalla Sua Nascita. Terminiamo questo bellissimo cenacolo con l’apertura della S. Bibbia e la Parola di Isaia 40, 9-11. Grazie Signore, grazie Madonnina Santa.)

21.12.2006 (Iniziato alle 21.30 e terminato poco dopo le 23.00)