Skip to main content

Cenacolo n. 46

Posted in

(Siamo dalle suore del Gualandi per questo nostro 46° cenacolo nel giorno del Corpus Domini.

Incominciamo subito con lo “strumento” A. che invoca lo Spirito di Dio su tutto il cenacolo con una preghiera allo Spirito Santo, quindi tutti insieme preghiamo una supplica a Gesù Eucaristia seguita da una preghiera di riparazione. Continuiamo col pregare la devozione al Santo Nome di Gesù, la coroncina riparatrice al SS. Nome di Gesù e una lode in riparazione alle tante bestemmie che purtroppo in tutto il mondo si perpetrano contro il Nome Santo di Gesù. L’A.. legge uno scritto di S. Francesco di Sales intitolato “La Tua Croce” poi, in onore a Gesù Eucaristia in questo giorno a Lui dedicato, intoniamo il canto “Pane del Cielo”, seguito dal canto allo Spirito Santo “Santo Spirito vieni”. Ecco che una nuova “Voce” si presenta a noi… quella dell’Angelo della Pace…)

 

L’Angelo della Pace ci parla:

“Che l’Amore di Dio Padre penetri nei vostri cuori.

Ecco, sono l’Angelo della Pace, vengo a portarvi la Pace del Padre, la Gioia del Figlio e la Dolcezza della Mamma SS. nostra Regina.

Fratelli, in questi giorni molti di voi hanno invocato il loro Angelo Custode, hanno pregato affinché l’Angelo accompagnatore li aiutasse nel cammino della vita. Ecco che i vostri Angeli rispondendo all’appello felicemente, hanno potuto esaudire in qualche modo le vostre richieste. La vostra anima si è riempita di pace e di gioia affrontando le avversità che le ore trascorse vi hanno portato e nelle vostre case e nei vostri cuori, nella vostra anima non più accasciata ma… sorretta, si è incamminata nella strada diritta che porta veramente all’accettazione della Volontà del Padre.

Ecco che qui in questo momento io vi dico: non smettete mai di farci invocare dalle vostre anime, di farvi portare ai piedi dell’Altissimo; noi non viviamo altro che per questo, accanto a voi, per portare le vostre suppliche e alla Madre e al Padre e allo Spirito Santo e al Figlio Divino Gesù che sulla Croce vi ha redenti, purificati e salvati. Non abbiate timore, non abbiate timore di chiamarci in continuazione, perché noi siamo qua, proprio per questo, per aiutarvi a sopperire alle vostre deficienze… sia nella preghiera, sia nella costanza, sia nella adesione alla Volontà Paterna.

Figlie care, il Padre vi ama a tal punto che in ogni momento vi manda Segni che voi ancora, forse, alcuni di voi non riescono a percepire, ma molti di voi capiscono i Segni che il Padre manda… o che sia una Parola, o che sia un profumo, o che sia anche la presenza di una persona accanto a voi che vi può portare veramente quell’Amore del Padre tanto desiderato da voi.

Ricordatevi che nei vostri cuori non debba esistere l’angoscia, nei vostri cuori deve esistere la pace, perché l’angoscia non è del Signore, non ve la porta il Signore; il Signore vi porterà solo Amore, Pace, Serenità anche nelle prove più grandi… ma voi abbiate veramente quella condiscendenza a ciò che il Padre vuole da voi; il Padre vi vuole Santi, vi vuole far camminare nella Via dell’Amore… e la Via dell’Amore è quella che ha percorso il Figlio Suo e la nostra Regina. Qual è? Ancora non l’avete capito? Figlie care, cos’è, cos’è che porta all’Amore? La gioia della sofferenza offerta al Signore per amore Suo, la gioia di una rinuncia per amore del Padre, un sacrificio per amore della Madre… e allora, qual è, qual è la cosa che può mancarvi tutte queste cose, voi le vivete tutti i giorni, anche inconsciamente; voi non vi rendete conto che tante volte rinunciate a qualcosa che vi piace, qualcosa che vorreste fare, qualcosa che intendereste di portare avanti e poi c’è sempre qualcosa che ve lo impedisce; e allora, se pur anche fosse il nemico che vi frena in tutte queste cose, cos’è l’amore per il Padre? Offrire questa mancanza, questa delusione da parte vostra, ma nei vostri cuori non ci sia mai delusione, perché tutto ciò che offrite al Padre non debba essere mai delusione, mai, mai, perché può esserci… una mancanza, ma poi si ripara, siete qui per riparare no? E allora, riparare vuol dire, per amore del Padre, accettare e pregare per sé stessi e per gli altri; e allora questo è già un sacrificio perché spesso e volentieri il Padre vi chiede di pregare per chi non amate, per chi vi ha fatto del male, e allora… quale miglior cosa è il riparare alle mancanze degli altri verso il Padre; cosa c’è di più bello che dire “Padre, Ti offro questa sofferenza in riparazione ai peccati di un mio congiunto, di un mio amico, di un mio subalterno, di tutto ciò che volete… e di chi volete… la preghiera in riparazione è la più gradita al Signore. Ricordate: più riparate per gli altri più vi vengono accordate le Grazie, più perdonate e più sarete perdonati. Allora, l’Amore è la prima cosa che il Signore vi ha dato ed è la cosa che voi dovete ridonare: AMORE, AMORE, AMORE!

Non vi turbate se qualcuno non ricambia il vostro amore: Gesù, la Madonna, la Madre Santa ripara per tutte queste cose e vi donano l’Amore, l’Amore più grande che ci possa essere; mai un essere umano ha amato e amerà mai come vi amano Loro!

Quindi, ricordatevelo: non c’è amore più grande di quello che tu doni all’altro, e il Signore ricambia al centuplo nel tuo cuore e riversa come un fiume in piena talmente straboccante che… a questo punto dovrete per forza ridonarlo, per poter assimilare quello che il Signore vi dà.

Allora, io, come Angelo rappresentante di tutti i vostri Angeli Custodi vi dico: chiamateci, fateci lavorare per l’Amore di Dio verso le creature; non stancatevi, non stancatevi perché noi non ci stancheremo mai di fare le scale al Cielo, alla terra, dalla terra al Cielo, per portare le Grazie e le richieste al Padre Celeste, per la vostra Santità e per quella di coloro che voi rammenterete. Allora…

Angelo di Dio… (tutti insieme, assieme all’Angelo della Pace, preghiamo l’Angelo di Dio)

 

E allora, se vi fummo affidati dalla Volontà del Padre, accogliete questo che io oggi vi ho detto e fatelo vostro in tutti gli attimi della vostra vita e… divulgate la devozione agli Angeli Custodi perché questi Angeli non hanno da lavorare; fateli lavorare i vostri Angeli, dategli modo di potervi portare ai piedi dell’Altissimo!

Grazie, grazie di aver ascoltato questo mio messaggio d’Amore, del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo. Amen.”

(Tutti quanti ringraziamo l’Angelo della Pace ed eleviamo un canto alla SS. Trinità.)

 

Arriva la Madre SS. e ci dona la Sua Parola:

“Sia lodata la SS. Trinità! ” (“Sempre sia lodata!”)

“E’ vero, lodate la SS. Trinità, il Padre, il Figlio e lo Spirito Santo che hanno compiuto e compiono ogni giorno prodigi meravigliosi in tutto l’Universo intero e in tutta l’umanità; sono gigli nascosti dalla malvagità del mondo dalla SS. Trinità, opera in continuazione prodigi… su tutti; voi (qui c’è un momento di vuoto e si perde qualche parola)….. Padre, Dio Figlio e Dio Spirito Santo donano ed elargiscono in tutti gli uomini per Loro Amore. LodateLa la Trinità, lodateLa sempre senza stancarvi mai, perché non c’è lode più grande e più eccelsa di questa: lodare il Creatore, il Redentore e lo Spirito di Santità.

Ah… Io in tutta la Mia Vita non ho fatto altro che invocare la Trinità, che ringraziare la Trinità, che adorare, cantare l’Eterne Meraviglie che l’Eterno Padre ha compiuto in Me e in tutte le Sue creature. E’ vero, è talmente grande il Prodigio del Padre che alle umane creature non è possibile, non è possibile capire veramente appieno ciò che è lo splendore e la meraviglia del creato.

Alcuni di voi lodano il Signore quando sono in una montagna o sono in una campagna o all’estremità dei cieli o anche in un piccolo capanno… però la Meraviglia del Padre si estende in una maniera così grande e meravigliosa che non è, non è descrivibile!

Mente umana non potrà mai concepire ciò che il Padre nella Sua Potenza e Onnipotenza ha fatto. Tutto ciò che ha creato, tutto ciò che ha illuminato, tutto ciò che ha fatto nascere dal niente; è bastato un Soffio ed è tutto stato fatto, è bastato un Soffio ed ha creato l’uomo… che meraviglia… meraviglia superba…!

Cieli, terra, non riescono a contenere tutto ciò che si è espresso dall’Amore del Padre verso la Sua creatura!

Pensa tu, figlio caro, che da un pugno di polvere sei nato!... Contemplare soltanto questo Mistero grandioso è vivere già nella Sapienza del Padre, contemplare tutto ciò che ha intessuto in ogni essere umano e all’interno e all’esterno, quale mente poteva creare un qualcosa di così meravigliosamente perfetto? Solo una Mente Eccelsa… solo Lui poteva far scaturire dal Proprio Cuore un Amore così ABISSALE, profondo…

E allora, come non pensare che ogni uomo dovrebbe, soltanto per vedersi creatura, lodare e magnificare il Signore Dio Nostro per quanto ha fatto!?

 

“L’Anima Mia magnifica il Signore e il Mio Spirito esulta in Dio Mio Salvatore”; questo Io dissi, perché fin da piccola, fin dall’Eternità Io già contemplavo le Meraviglie di Dio. Piccola Creatura e già il Padre Mi aveva riempito della Sua Sapienza d’Amore; l’Umile Serva, Creatura di un piccolo paese sperduto… e lì la Potenza del Padre si è fermata su questa Ancella, piccola, appassionata dell’Amore del Padre.

Cantate inni e lode al Padre per la Sua Potenza, cantate inni e lode al Figlio per il Suo immenso Amore, cantate lode e gloria, onore, ringraziamento, adorazione per tutto ciò che il Figlio e lo Spirito Santo vi hanno donato.

Io, la vostra Mamma, qui, vi dico: figli, non c’è premio più grande che vi darà il Padre se nei vostri cuori, nella vostra bocca, nelle vostre menti c’è l’adorazione alla Sua immensa Bontà!

Ecco che l’Abbraccio del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo discenderà su tutti voi… e su coloro a cui inneggerete e farete conoscere la Potenza, la Sapienza, l’Amore della SS. Trinità! Abbiate veramente cuore pieno di questo Amore, che non vuole altro che essere ESPANSO in tutto l’Universo, in tutte le Sue creature!

Ecco, ancora una volta Io vi dico: Io vi amo figli, vi amo immensamente, e come non potrei perché vi ho generato dalla Morte del Mio Figlio? E allora… dopo la Sua Resurrezione Lui vi ha portato e vi ha preparato un Posto meraviglioso accanto a Sé e accanto al Padre. C’è premio migliore di questo? Io penso di no! Guardate Me, la Sua Mamma che qui vi implora: amate Dio, amate il Figlio, amate lo Spirito Santo e fatene una vostra missione per farLi adorare alle Sue creature, a coloro che sono lontano, a coloro che La bestemmiano, a coloro che La disconoscono, a coloro che non La conoscono… abbiate veramente quell’amore al vostro Padre che per Amore vi ha dato tutto ciò che possedete. Non vi rammaricate se avete qualche sofferenza… le abbiamo avute Io, Gesù, Giuseppe… tutti coloro che hanno seguito le Orme del Cristo, tutti coloro che amavano il Padre, che amano il Padre hanno sofferenze perché, perché la sofferenza è la Gloria e ve l’ha fatta vedere Gesù… Meraviglioso Dono!

Non vi vergognate di farvi adoratori della Croce, non vi vergognate, anzi portatela veramente in alto quella Croce, perché Gesù ha detto “Quando sarò innalzato attirerò tutti a Me!”; ecco che lì, tutti, Gesù vi vuole aggrappati alla Sua Croce Salvifica, là dove il Suo Sangue Preziosissimo ha impregnato quella Croce e quel Legno Benedetto.

Figli Miei, non abbiate timore di qualche sofferenza, non abbiate timore, il premio o dopo la croce, è la Gioia, la Redenzione, l’Amore del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo che vi uniranno in un unico Abbraccio nella Gloria del Paradiso.

Ed Io qui, vostra Madre, quando verrà il momento vi attirerò al Mio Cuore e vi raccoglierò tutti nel Mio Manto, e lì, Insieme, canteremo la Gloria alla SS. Trinità.

Gioia più grande non posso donarvi figli cari, non posso promettervi di farvi felici qui sulla terra, perché la felicità della terra è passeggera, mentre la Felicità del Cielo insieme alla SS. Trinità è Gioia Eterna che DURA PER SEMPRE, e lì che vi voglio radunati, nel solo Ovile, nell’unico Ovile che è quello del Padre.

Ecco, ora Io vi ringrazio, vi ringrazio sempre e comunque di essere sempre qui raccolti in preghiera alla chiamata della vostra Mamma che vuole che con queste preghiere che voi innalzate al Cielo, arrivino ai piedi del Padre in riparazione sia delle vostre che le colpe altrui, sia in riparazione di tutto ciò di obbrobrio che c’è nel mondo. Figli cari, vi dico però: sì, siate attenti a ciò che succede nel mondo, ma non vi lasciate trascinare… non vi lasciate trascinare ogni volta che sentite una brutta notizia. Pregate il Padre e chiedete perdono per coloro che disturbano le anime dei Miei piccoli e dei loro piccoli.

Ricordatevi: avrete grande merito se invece di odiare, invece di maltrattare, perdonate, pregate e riparate per voi e per tutti.

 

Ecco figli cari, non vi voglio nella tristezza, ma vi voglio nella gioia, nella pace e nella serenità.

Io sono sempre con voi ricordatelo, sono sempre con voi, non vi abbandono mai… quindi, qualsiasi cosa, lo avete detto nella preghiera, che voi chiederete, non potrò MAI rifiutarla, e neanche riportarla a Gesù; e Gesù e il Padre e lo Spirito Santo elargiranno a voi le Grazie che vi necessita per la vostra Santità e per il vostro cammino.

Gloria al Padre…

 

Sia lodato Gesù!” (Tutti noi rispondiamo “E Maria SS. e il Padre e il Figlio e tutti gli Angeli e lo Spirito Santo”.)

 

(Termina qui la Parola della Madre SS. e tutti insieme in adorazione alla Madonnina e al Padre cantiamo una preghiera al Padre (la N.56. Qual è?).

Ognuno di noi fa la propria testimonianza e ringraziamo per le Parole che anche in questo cenacolo, per Grazia di Dio, ci sono state donate, con particolare ringraziamento a Maria SS., agli Angeli e, naturalmente, alla SS. Trinità.

Tutti insieme gioiosamente eleviamo al Cielo i canti “Gloria a Te Cristo Gesù” e “La vera Gioia” poi apriamo a caso la S. Bibbia e ne esce la Parola di Daniele 3, 98-100 e il meraviglioso Cantico di Tobia in Tobi 13, 1-18. Poi finisce abbastanza bruscamente la cassetta; ci sarà stata qualche altra lettura dalla S. Bibbia?)

07.06.2007 (Iniziato alle 21.30 e terminato alle 23.00)