Skip to main content

Messaggio n. 620 e 621

Posted in

LA PURIFICAZIONE MANCATA (N. 620)

 

(Sogno di dopo Pasqua… notte tra il 6/7-4; sono a letto e vengo svegliata di soprassalto dalla “sensazione” di tristezza che è sopraggiunta in tutto il mio essere… cerco di capire a cosa è dovuto tutto ciò e mi rendo conto che è stato il sogno(!?) che ho fatto e che mi accingo a trascrivere)

 

Mi trovo in un ambiente familiare (forse a casa) quando un’amica facente parte del mio gruppo di preghiera e Ministra straordinaria dell’Eucaristia, mi viene a chiamare tutta concitata dicendomi di seguirla perché ha bisogno di essere “aiutata” ad amministrare l’Eucaristia essendoci tante persone… io le dico che non posso perché non ho l’autorizzazione né della Curia né dal parroco quindi non posso accontentarla nella sua richiesta.

Lei però insiste e mi dice di non preoccuparmi, ma di fare ciò che ni dice!

Molto titubante la seguo…e mi dispongo ad aiutarla. Mi porta in Chiesa dove c’è l’Altare già pronto per la celebrazione della S. Messa, (non vedo il sacerdote) e avvicinatomi davanti al Tabernacolo al lato sinistro dell’Altare, (dove la mia amica si accinge a prelevare la Pisside con le Particole già consacrate e darmela), io maldestramente girandomi verso di lei, con la mano rovescio sulla Tovaglia l’acqua per la purificazione che si spande sull’Altare… sono costernata, senza parole e soprattutto mi sento in uno stato di angoscia per quanto è accaduto… quasi mi metto a piangere…quando mi accorgo che accanto a me e poco discosto dal luogo della mia sbadataggine con i gomiti appoggiati sull’altare è un mio parente (guarito da una cancrena al piede per grazia ricevuta da P. Pio ed anche diabetico, ateo e bestemmiatore), che inveisce verso di me perché, dice, che gli ho rovinato tutti i cd che aveva appoggiato proprio lì dove avevo fatto il danno!

Io mi guardo attorno ancora più angosciata e vedo la moglie di lui che mi guarda e si ritira quando vede che ancora più desolata cerco di apprestarmi a darle l’OSTIA SANTA, ma lei mi dice di no e si allontana insieme al marito voltando le spalle a me ma soprattutto a GESU’ EUCARISTICO!

Cerco la mia amica ma non la vedo, cosicché vedendomi sola, non mi resta altro che piangere sul danno che involontariamente ho fatto e sulla mancata amministrazione della S. Comunione a queste due persone!

 

Mi sono svegliata e ancora oggi dopo diversi giorni penso che non sono riuscita a far purificare e riconciliare questi miei parenti con il Signore!

 

Voglia Gesù darmi veramente la possibilità di convertire loro e tutta la mia famiglia e quella di mio marito a gloria Sua e del Padre Celeste. Voglia lo Spirito Santo soffiare su di loro il Suo Alito d’amore e riunirli tutti vivi e defunti nella Patria celeste!

Scricciolo desolato

 

Ada 13.4.2007 (ore 14,20-trascritto dopo qualche giorno)

 

LA BENEDIZIONE (N. 621)

(Sogno (!?) fatto la notte tra il 10-11/4-07)

 

Sto sognando!!!??? Mi trovo in un luogo Sacro, direi un Santuario.. un Monastero o comunque in un luogo di devozione molto forte.

Sto percorrendo un corridoio molto lungo e in penombra.

Sto pregando e ho le mani premute sugli orecchi dove sporgono due garze bianche che tengo ferme senza smettere di pregare… quando all’improvviso voltandomi verso sinistra scorgo una persona alta e magra che mi sorride tenendo tra le mani, innalzando verso l’alto, un Ostensorio dorato grande, (non c’è il SS. Sacramento) e guardandomi con gioia e grandi sorrisi mi benedice formando la Croce; poi con i suoi occhi che emanavano una grande serenità , mi saluta riportando via con sé l’Ostensorio e scompare alla mia vista così come era apparso nel nulla!!!

Io ero contentissima e nella gioia non mi ero resa conto che nell’Ostensorio c’era sicuramente Reliquie di Santi e Sante e che la persona indossava un saio scuro (nero o marrone), quindi era un frate (non sono riuscita a capire di che ordine) e che non avevo più tra le mani le bende che fino a quel momento tenevo sulle orecchie! (preciso che da circa 1 mese sono afflitta da una sordità che mi costringe e non andare al lavoro).

Dopo tutto ciò, mi sveglio con una pace e una certezza che quel frate mi aveva portato la guarigione, che non era stato solo un sogno, ma il prosieguo di una benedizione non richiesta fattami da un frate del Santuario di Montesenario dell’ordine dei Servi di Maria il giorno precedente…

Grazie Vergine SS che mi hai voluto nel Tuo Santuario e che mi farai guarire da questa sordità!

Tuo scricciolo devoto

 

Ada 13.4.2007 (trascritto dopo 2 gg… Ps. A quel frate avevo chiesto una boccetta di acqua Santa che tengo in casa per benedire e segnarmi, nel travasare dalla brocca alla mia boccetta se ne era versata un po’ per terra e altra sulle mani del frate che dopo aver deposto la brocca., mi benedice con le dita ancora bagnate dall’acqua Santa e mi abbraccia e mi bacia sulle orecchie con un sorriso e con uno sguardo pungente e festoso..era la prima volta che lo vedevo… Io lo ringrazio e me ne vado contenta, torno nella chiesina dove dopo poco recitiamo il S. Rosario)