Skip to main content

Messaggio n. 78

Posted in

LE RELIGIOSE  -  (N. 78)

“Se Gesù è stato il primo Sacerdote della Chiesa, la prima ed assoluta “Sacerdotessa” di Essa è stata Maria di Nazareth, Madre dolcissima, amorosa e infaticabile continuatrice e Maestra del Cristo Fanciullo.
Essa già fin dalla nascita, Anima Eletta e Purissima di Dio, ebbe il privilegio di portare in Sé la Sapienza, la capacità di Amore infinito, Umiltà, Sofferenza e soprattutto la coscienza incrollabile di essere Serva del Dio Altissimo.
Per tutte queste doti, Maria trovò Grazia piena presso l’Onnipotente che la scelse come Madre del Salvatore e Suo Unico Figlio e Tempio inespugnabile dello Spirito Santo.
Perché si dice che Lei è la prima “Sacerdotessa”?
Perché la Vergine Maria già all’inizio della Vita pubblica del Figlio, collaborava parallelamente alla missione di Gesù accogliendo presso di Sé coloro che non ardivano avvicinarLo per paura di non esserne degni per la vita condotta fino allora… e molti, specialmente donne, a Lei si rivolgevano per trovare Grazia presso Cristo.
La Madre, come il Figlio, a tutti e per tutti apriva il Suo Cuore Immacolato e l’Amore, la Pietà, la Misericordia, l’Insegnamento, il Perdono… e soprattutto la FEDE, portava in quegli esseri distrutti da vizi e schiavitù, corrotte da satana.
La Pace, la Serenità e specialmente la sicurezza che dal loro pentimento sincero avrebbero ritrovato il Perdono e l’Amore di Dio!
Essa allora, divenne per tutti “LA MADRE AMABILE” a cui tutto si poteva confessare e da cui tutto si poteva ricevere e da cui tutto si DOVEVA IMPARARE!
Maria, divenne il RIFUGIO dei deboli, degli afflitti, dei peccatori; divenne la CONSIGLIERA per i dubbiosi, MAESTRA per gli ignoranti nella Fede vera, CONDUTTRICE e insieme APOSTOLA, oltre che ARDENTE ADORATRICE del Figlio, da cui era amata immensamente e per mezzo del quale otteneva Grazia e Perdono a chi a LEI SI RIVOLGEVA!
Dio Onnipotente, ebbe da Maria la SERVA più fedele e appassionata che fosse mai esistita e che esisterà fino alla fine del mondo.
Da Essa, chiese ed ottenne tutto, fino al Sacrificio Estremo di divenire CORREDENTRICE E SALVATRICE, soffrendo in maniera sovrumana sul Calvario, come il Figlio… e morendo dello strazio di sopportare, per Volere di Dio, le torture e la Morte del Cristo Suo Figlio!
Ma tutto accettò per la Gloria del Suo Signore e per la Salvezza del mondo!
Per il Suo incommensurabile Amore a Dio e agli uomini, ebbe in eredità l’umanità stessa, perché Essa divenne ESEMPIO a tutti i cristiani e in special modo a quelle donne che da quel tempo in poi avrebbero consacrato la propria vita a Cristo e la Sua Chiesa nascente e pellegrina, nei secoli a venire in tutto il mondo!
Molte furono le donne, oltre alle discepole già seguaci di Gesù e Maria, che si unirono alla Madre per continuare la Parola di Cristo; molte altre consacrarono la loro verginità alla Chiesa e il loro amore e la loro fedeltà alla FEDE: altre ancora furono perseguitate, uccise per questa fedeltà a Dio; quante ancora di esse, come Maria, accettarono il martirio, la rinuncia, il sacrificio per la Chiesa nascente e operante nell’insegnamento e nell’attuazione del Volere Divino.
Col progredire della Chiesa e con l’aumentare il numero dei cristiani dei sessi opposti, le persecuzioni furono tante e i martiri nel Nome di Cristo innumerevoli; molte fedi vacillarono, ma molte altre si rafforzarono e la Chiesa voluta da Gesù, nonostante tutto, si propagò anche negli angoli più remoti della terra.
Uomini e donne, portavano in esse la Dottrina del Signore; gli uomini come sacerdoti, le donne come missionarie e continuatrici della Parola del Cristo e di Maria.
Sorsero così le prime religiose… e i conventi dove queste attuavano, nell’esempio della preghiera, dell’amore, della carità, nell’aiuto materiale e spirituale, nella bontà… e soprattutto nell’Obbedienza al Padre e nell’osservanza delle Leggi a sostegno di coloro che avevano bisogno d’aiuto.
L’umiltà, la rinuncia al mondo esteriore, la povertà, la disponibilità, la devozione a Cristo e a Maria, l’approfondimento della conoscenza della dottrina cristiana e l’insegnamento di essa, erano e sono ancor oggi le basi essenziali per uno svolgimento Santo e duraturo della missione religiosa.
Ma come in tutte le cose, le scelte fatte in un primo momento con tanto fervore, specie se queste sono fatte nel Nome del Signore, l’eterno rivale... è sempre in agguato, ed anche qui ha causato di secolo in secolo danni irreparabili…
Anche qui l’opera distruttrice del demonio ha fatto grosse prede.
Quanti di questo conventi sono stati teatro di torture, di “sacrifici” umani, dei sacrilegi più oscuri e dei vizi più immondi che una mente umana, preda del demonio, possa compiere!
Quante povere creature sono state circuite con false lusinghe e poi seviziate e uccise!
Quanti aborti, già nei secoli passati, sono stati fatti per non presentare al mondo il “FRUTTO DELLA COLPA”, oppure uccisi appena nati e sepolti nei sotterranei!
Quanti vizi ed orrori tra quelle mura che dovevano essere SANTIFICATI DALLA PREGHIERA E DALLA FEDE!
E quante grida e sangue di innocenti, sono saliti al Cielo invocando pietà in questi cuori aridi e assatanati!
E quanto strazio e dolore al Cuore dell’Altissimo per quelle povere vittime sacrificate in nome di un “dio” assetato di sangue e di vendetta!
Queste suore e monache abitanti questi conventi, possedute da demoni femmine, terribili ancor di più degli uomini, sono state e, per quanto ci è dato di sapere, ancora oggi, sono la spada nel Cuore del Padre che per quanto abbia premiato e glorificato le vittime morte nel Suo Nome e nella Pace, nella Sua Luce, riempiendo il Cielo delle loro anime Sante, tante di quelle che hanno tradito le Sue Leggi facendosi scudo di un abito o di una croce, sono negli inferi più profondi a scontare i loro misfatti orrendi.
L’inferno è pieno di queste anime sacrileghe e purtroppo tante ne arrivano dopo aver servito il MALE E LE TENEBRE!
Grande dolore per Maria che piange per queste figlie perdute e possedute, che invece di servire e adorare il Cristo come Lei per prima ha fatto, pur essendone la Madre, si danno a servire ed ad adorare lucifero e i suoi!
Ma per quante lagrime la Madre piange per esse, il Padre premia la Tutta Grazia e Amore, non stancandoSi di rinnovare la Fede in altre figlie che con il loro operare solo in Dio e per Dio, ristabiliscono quell’equilibrio di Amore, di Carità, di Bontà, di Rinuncia, di Sacrificio e di Preghiera che è venuto a mancare.
E’ gioia infinita per la Vergine, che con il Suo Amore immutabile, istruisce e guida queste novizie alla loro missione, avvolgendo il loro cuore e la loro mente in quell’Abbraccio Materno di Protezione, trasfondendo loro tutta la Sua ardente Passione Amorosa nel Figlio adorato, insegnando con il Suo fervente e perpetuo pregare, come deve essere servito e adorato l’Onnipotente.
LEI SOLA, INEGUAGLIABILE MAESTRA, SUPREMA CREATURA, REGINA DELLA CHIESA E DELLA CRISTIANITA’ TUTTA, LEI SOLA OLTRE A GESU’ ti può aiutare nella tua missione di religiosa.
LEI SOLA TI PUO’ PERDONARE, SE DURANTE L’ARCO DELLA TUA VITA DI CASTITA’ AVRAI SBAGLIATO e se ti metterai nelle Sue Divine Braccia, perché Lei sola, la SENZA MACCHIA, saprà ricondurti nel giusto cammino, tutto ti sarà perdonato!
Le tentazioni, le provocazioni, i disturbi e gli assalti del demonio non ti mancheranno mai se camminerai nella Luce del Signore, perché il maligno odia tutto ciò che è Santo e cerca sempre di profanarlo per disperdere le creature di Dio; ma la Madre, se tu La porterai nel tuo cuore e nella tua mente, Lei a cui il demonio non sa resistere nella sua concitata lotta, ti libererà da esso facendoti da scudo.
Scudo Lucente e Divino che lo annienterà.
Tu devi però aiutare la Mamma con il tuo operare e pregare perpetuo, con il tuo amare il prossimo più di te stesso, con il tuo osservare le Leggi Divine fino al sacrificio, come Ella ha fatto per tutti noi.
Forse non avrai né onori né meriti su questa terra, sarai anche criticata, derisa, offesa; forse sarai anche perseguitata se sarai missionaria in paesi ribelli e forse anche uccisa… offri tutte le tue sofferenze a Gesù e Maria che già queste cose le hanno passate su questa terra d’esilio prima di te; offrile come Redenzione per quelli che non credono, per quelli che sono fievoli nella Fede, per quelli che soffrono, per quelle anime che dal Purgatorio pregano per te e aspettano preghiere da noi per innalzarsi ed arrivare a godere della Luce del Signore, offriti anima e corpo… e nella Fede più completa a Dio, e la tua Gloria sarà nel Regno dei Cieli: perché questa è la vera tua missione in questa terra a cui tu stessa con la tua scelta ti sei votata!
Ricordati però che, se il tuo operato di religiosa è contraria alle Leggi di Dio e servirai satana e le sue regole, non avrai gloria da lui né in terra né in Cielo, anzi sarai dannata per l’Eternità, perché quando avrai finito di servire colui che ti possiede, egli ti abbandonerà negli abissi più profondi e tenebrosi e non ci sarà preghiera che varrà a farti innalzare, perché l’offesa subita da Gesù, da Maria e da DIO sarà immensamente più grande di un comune peccatore, in quanto tu insieme al tuo maestro, con il vostro sacrilego comportamento, avrete deriso, beffeggiato e ucciso la PAROLA DEL PADRE.
Ricordati che la vita terrena è solo un passaggio e che la Vita Vera è nei Cieli o nell’inferno; affronta quindi questo passaggio nella Santità della tua vocazione di religiosa e avrai il CIELO!
Affronta questo viaggio in compagnia di lucifero e avrai l’INFERNO!
Non farti “sacerdotessa” del diavolo e della sua parola; non farti ingannare dal suo diabolico volere; non perderti nell’oscurità e nella menzogna; non adorarlo e non lodarlo se ciò che ti prospetta con i suoi raggiri ti sembra in un primo momento ciò che desideri e più veritiero della Strada intrapresa all’inizio delle tua scelta: egli, principe delle tenebre, sa ingannare molto bene coloro che sono deboli, carpendo così la loro volontà e facendoli diventare come egli vuole: inetti, indegni, malvagi e traditori, peggio ancora di Giuda Iscariota che tradì il suo Maestro e la Madre per gloria e orgoglio personale.
Veglia sempre, non lasciarti andare mai a questi pensieri e a queste voglie che non si addicono alla tua missione di religiosa e prosecutrice della PAROLA DI DIO, DI GESU’ E DELLA MADRE, perché Essi hanno vissuto e predicato con Umiltà e Amore. Specialmente per coloro che avessero abbracciato la Chiesa nascente come Padre e Madre arrivando alla professione da essi desiderata.
Allora, quando per qualche motivo, anche se sconosciuto da te, avrai dubbi e incertezze, invoca l’Aiuto di Cristo e di Maria e il demonio non oserà impossessarsi della tua momentanea debolezza, perché la Potenza del Padre e della Madre ti difenderà, perché sei figlia prediletta e la tua missione di religiosa e operatrice di Dio Gli è cara e Santa.
Prostrati ai piedi della Croce in preghiere e suppliche e avrai vinto con la tua fede le tenebre.
Abbandonati a pensieri tenebrosi e lesionistici alla tua fievolezza e avrà vinto satana!
Rifletti dunque, prega e sempre loda il Signore Dio tuo, perché solo da Lui avrai sempre Sollievo, Sostegno, Amore, Fiducia e soprattutto la Serenità di affrontare con gioia le avversità della tua vita!”
 
08.06.1990